presS/Tletter

presS/Tletter

Felice Gualtieri

161215_L ‘ecologismo di John Thackara – di Felice Gualtieri

John Thackara è uno scrittore di origine inglese, autore di testi come How to thrive in the next economy o In the bubble: Designing in a complex world; da anni dirige un network internazionale di intellettuali, designers, artisti ed architetti conosciuto come Doors of perception attivo nel promuovere eventi e dibattiti centrati sul design e […]

di Felice Gualtieri

161101_Uno spazio esterno – di Felice Gualtieri

Quando penso alla città e all ‘esperienza urbana nel XXI secolo, vengo colto quasi sempre un senso di profonda nostalgia che nasce da un sincero legame (emotivo e caratteriale direi) con tutto quello che la cultura urbana ha rappresentato nel corso del ‘900. La mia generazione ha vissuto l ‘ultima parte di quel grande progetto […]

di Felice Gualtieri

160915_Una diversa ruralità – di Felice Gualtieri

E ‘ raro, nel dibattito contemporaneo sull ‘architettura (sia in Italia che all ‘estero) discutere delle possibilità di un sistema di vita (contemporaneo) collocato al di là delle logiche urbane e metropolitane. Probabilmente, se da un lato i tempi non sono del tutto maturi, dall ‘altro una persistente dominanza del XX secolo con i suoi […]

di Felice Gualtieri

160407_ Il sistema dei villaggi digitali ed il caso Riace – di Felice Gualtieri

Riempire gli spazi vuoti; in sintesi è questo il programma urbanistico del sindaco di Riace, Mimmo Lucano, artefice di un modello insediativo all ‘avanguardia in Europa poiche è riuscito a realizzare un processo diverso di trasformazione del territorio: rioccupare i borghi antichi svuotati dall’urbanizzazione novecentesca con il recupero delle costruzioni abbandonate che vengono assegnate ai […]

di Felice Gualtieri

160211_Architettura post urbana ed Arte del Sè – di Felice Gualtieri

Quando la Abramovic negli anni ’70 iniziò i suoi esperimenti di performing art, non era del tutto chiaro quale fosse il ruolo del corpo nello sviluppo filosofico Occidentale. Gli strutturalisti francesi, tra cui Foucault, avevano riservato al corpo una posizione di grande rispetto nella costruzione delle loro teorie, soprattutto per dare fondamento a quelle proposte […]

di Felice Gualtieri

160114_Architettura in Calabria: quattro cause di un ‘assenza – di Felice Gualtieri

Per chi, come me, si appresta a scrivere o a parlare di Architettura in Calabria il primo ostacolo che incontra è l ‘assenza di un repertorio specifico relativo a quanto e cosa si sia prodotto negli ultimi anni. Esistono poche, anzi pochissime, pubblicazioni che evidenziano un numero tutto sommato esiguo di opere (almeno per il […]

di Felice Gualtieri

151028 – Nota autobiografica di un architetto calabrese – di Felice Gualtieri

Non avendo l ‘età per un ‘autobiografia (classe 1981), queste poche righe vanno intese come una nota sulla mia esperienza di architetto in Calabria. Ho studiato a Roma con Franco Purini, e per un periodo, grazie ad un concorso internazionale vinto, ho lavorato a Torino, per poi decidere, al posto di Berlino, per un ‘opzione […]

di Felice Gualtieri

150930 o Luoghi dell’Alterità – di Felice Gualtieri

Nei casi migliori, la città ha la forma di un caos controllato. Si accede a questa condizione per mezzo della progettazione urbana sostenuta da buone politiche (governance). E così che sono nati quartieri come il Vauban a Friburgo o il Bonne a Grenoble, o anche New Songdo vicino a Seul che è uno dei progetti […]

di Felice Gualtieri

150604 o Architettura, asimmetrie e nuovi realismi – di Felice Gualtieri

Che cos’è la realtà? Forse la più ovvia delle domande creerà non pochi imbarazzi, soprattutto a chi (come noi) esce a stento dalla fase post moderna nella quale non esistevano fatti ma solo interpretazioni. Se il mondo è il risultato di interpretazioni, esiste anche il potere di dargli un senso. I carismi comunicativi e i […]

di Felice Gualtieri

150514_004/005 – Arte del Sè – di Felice Gualtieri

Questo sdoppiamento/moltiplicazione dell’operatività individuale è uno dei fatti più interessanti (e più delicati) all’interno dei processi della rivoluzione digitale. E’ come se si rivelasse un mondo aggiuntivo, collegato al precedente da una proprietà transitiva tipica del segno. Da una parte il corpo, dall’altra il segno che rimanda a quel corpo e che lo rappresenta. Questa […]

di Felice Gualtieri