presS/Tletter

presS/Tletter

GREEN IS THE NEW BLACK

GREEN IS THE NEW BLACK

Autore: redazione
pubblicato il 4 Aprile 2024
nella categoria Parole

Il giardinaggio del futuro per balconi e terrazzi che fronteggiano la crisi climatica e proteggono la biodiversità per città più resilienti, le novità dal vivaismo sostenibile, il trend dell’outdoor che rilancia lo stile mediterraneo alla XIII edizione del Festival del Verde e del Paesaggio dal 5 al 7 aprile a Roma.

La più grande manifestazione espositivo-culturale in Italia dedicata al verde in città e al paesaggio urbano torna all’Auditorium Parco della Musica con oltre 150 iniziative tra Talk, lezioni gratuite, workshop, sessioni esperienziali, laboratori per i piccoli, presentazioni di libri, concorsi di progettazione, giardini pensili e installazioni d’arte. Un’edizione totalmente rinnovata e incentrata sui temi del cambiamento climatico, della protezione della biodiversità e del giardino come ecosistema cuore della nuova città sostenibile del futuro.

Roma, 26 marzo 2024Il 59% delle famiglie italiane ha almeno una pianta in casa e almeno 7 persone su 10 (il 68%) va regolarmente “a caccia” di piante nei vivai. Ma in quanti si domandano da dove arrivano le piante o come sono state coltivate? E altrettanto raramente riflettiamo sul fatto che proprio dal nostro terrazzo, balcone o davanzale possiamo dare il nostro piccolo grande contributo alla lotta contro la crisi climatica e alla protezione della biodiversità.  E, ancora, quanto siamo consapevoli che le città sono il motore principale della riconversione ecologica essendo responsabili del 75% delle emissioni di CO2 e di due terzi del consumo delle risorse naturali?

Da queste premesse prende le mosse la XIII edizione del Festival del Verde e del Paesaggio,  (www.festivaldelverdeedelpaesaggio.it), la più grande manifestazione espositivo-culturale in Italia dedicata al verde in città e al paesaggio urbano, che ritorna dal 5 al 7 aprile al Giardino Pensile dell’Auditorium Parco della Musica Ennio Morricone di Roma, con un programma intensissimo e ancora più coinvolgente con oltre 150 iniziative tra Talk, lezioni gratuite, workshop, sessioni esperienziali, laboratori per i piccoli, presentazioni di libri, concorsi di progettazione, giardini pensili e installazioni d’arte. Parole d’ordine per questa nuova edizione: ritrovare attraverso un giardinaggio ecologico e la riscoperta di una vita urbana “open air” lo stimolo e la chiave per fronteggiare il cambiamento climatico e proteggere la biodiversità riportando al centro dell’attenzione le città come parte del problema ma anche della soluzione.

Abbiamo voluto immaginare questa XIII edizione del Festival del Verde e del Paesaggio innanzitutto come luogo in cui fare esperienza, promuovere cittadinanza civica e apprendere nuovi modi di leggere e concepire il verde delle nostre case e delle nostre città perché vivere in modo più sostenibile dipende anche da noi e possiamo farlo a partire dal nostro balconedichiara Gaia Zadra, ideatrice e direttrice del Festival del Verde e del Paesaggio nel presentare le tante novità del programma della manifestazione. Per questo parleremo di come riportare al centro dell’attenzione il verde, sia la chiave per contribuire a costruire le città del futuro, che dovranno necessariamente essere più inclusive, resilienti, empatiche, circolari, biodiverse e più accoglienti per le persone e le specie animali e vegetali. Ma accanto a temi globali e complessi come questi – prosegue Zadra - si parlerà tanto anche di slow garderning, il giardinaggio del futuro, in una sintonia totalmente rinnovata con la natura e con un utilizzo totalmente sostenibile delle sue risorse, a cominciare da quelle idriche. Il Festival resta poi ovviamente una grande festa per tutti, dai più piccoli alle famiglie fino agli amici a quattro zampe, con una proposta di corsi, lezioni, esperienze, davvero sorprendente e adatta a tutti”.

Queste le principali novità e proposte della XIII edizione del Festival del Verde e del Paesaggio.

Non mancheranno poi gli appuntamenti più tradizional e amati del Festival, come il Concorso “Balconi per Roma” rivolto ad architetti, paesaggisti, agronomi, designer, artisti e creativi di ogni nazionalità quest’anno chiamati a trasformare il balcone in un vero e proprio palcoscenico prendendo spunto da viaggi, arte, cinema, musica, libri o tendenze. Cosi come le numerose occasioni di aggiornamento professionale per operatori del settore, paesaggisti e architetti. Tra queste spicca il progetto formativo totalmente gratuito “CITY4Pollinators” rivolto agli operatori del verde e curato dagli esperti dell’Università di Bologna e dall’Ordine degli architetti di Roma e provincia per ricreare e ampliare anche in città habitat adatti a ospitare api e insetti impollinatori, così decisivi per il presente-futuro del nostro Pianeta.

Il Festival spicca infine quest’anno anche per una maggiore presenza di espositori e aziende del settore, con la partecipazione di alcuni dei principali marchi del design e dell’arredo italiano, e per una maggiore vicinanza anche da parte di Istituzioni e partner esterni. Tra questi il Comune di Roma, che ha concesso il suo patrocinio attraverso l’Assessorato al Verde e al Ciclo rifiuti e supportato l’implementazione dell’iniziativa, oggi anche inseriti tra i Grandi Eventi della capitale, e che sarà al centro di alcuni degli Incontri del Festival. Alcuni di questi saranno proprio dedicati al futuro di Roma, comune più verde d’Europa e capitale europea della biodiversità. Tutto questo grazie anche alla forza dei suoi numeri: 22 aree naturali protette, zone agricole e orti urbani che coprono il 67% del suo territorio, 1300 specie vegetali censite solo all’interno del G.R.A. pari al 20% della flora italiana, il 32% delle specie nidificanti in Italia e il 26% delle specie di mammiferi presenti nel nostro Paese, e con tante nuove progettualità in attivazione di cui si parlerà al Festival, tra cui, il piano di forestazione urbana con 1 milione di alberi piantati entro il 2026 che farà di Roma una citta-bosco.

Gi orari del Festival saranno sempre 10.00 – 19.00 dal venerdì alla domenica, con possibilità di convenzioni e riduzioni sul biglietto di ingresso. E’ previsto un servizio di consegne piante alla macchina ed è consentito l’accesso ai cani, da sempre benvenuti al Festival e a cui il Festival dedicherà un’attenzione particolare, grazie alla partecipazione del canile-rifugio comunale della Muratella e di Ponte Marconi che lancerà una speciale iniziativa di affido durante la manifestazione.

Il Festival del Verde e del Paesaggio conta sulla collaborazione e sul patrocinio del Comune di Roma (Assessorato all’agricoltura e ambiente) e della Regione Lazio. Si avvale inoltre dei patrocini di InArch Lazio, Ordine degli architetti pianificatori, paesaggisti e conservatori di Roma e provincia, Ordine agronomi e dottori forestali, Museo Orto Botanico di Roma, AIAPP LAMS, Associazione Italiana Architettura del Paesaggio, e della collaborazione con Carabinieri forestali ambientali e agroalimentari, AMA, Lipu, FAI. Partner del Festival sarà anche per quest’anno Ethimo.

Il Festival del Verde e del Paesaggio è inoltre partner del FAO Park – Biblioteca globale degli alberi e dei fiori, il primo progetto dedicato alla protezione della biodiversità in 7 continenti, realizzato a Villa Doria Pamphilj a Roma.

L’appuntamento all’Auditorium Parco della Musica è in collaborazione con Fondazione Musica per Roma

Media contact

Caterina Banella, 338 8768154 – caterinabanella@gmail.com