presS/Tletter

presS/Tletter

L’immagine ideale – di Giuseppe Laudante

L’immagine ideale – di Giuseppe Laudante

Autore: redazione
pubblicato il 25/10/2022
nella categoria Parole

La creazione di un'immagine come racconto di una storia, narrazione di un sogno, costruzione metafisica di un ideale.
È proprio in questo ambito forse che il senso di ordine e controllo di ogni architetto trova maggiore adito: giungere a costruire la scenografia perfetta, o perfettamente imperfetta: quella immaginata, sognata, sfiorata e finalmente accarezzata.
Un contenuto che dà senso alle fantasie: luci, ombre, atmosfere, sensazioni: tutto si fa sintesi, si fonde e diventa un unico grande pezzo di pixel scolpito.
Comunicazione nuda e cruda? Forse. Emozione? Ancor più probabile.
Il fine a volte giustifica le mancanze, ma si sa, quando si sogna, a nessuno piace svegliarsi. Le enormi potenzialità dei vari software ci guidano sempre più ad avere piena padronanza delle tecniche e della gestione emozionale del frame, che diventa parte integrante dell’opera stessa; si genera infatti un rapporto biunivoco tra progetto e immagine dove l’uno gode della massima potenza espressiva dell’altra.
Osservando le immagini dei più celebri studi di renderizzazione come Mir, o gli italiani Engram e Filippo Bolognese si osserva la genesi di un linguaggio sincretico e del tutto inclusivo che sintetizza in maniera lodevole l’unità tra uomo, paesaggio, materia e spirito.
Le immagini prodotte mostrano quanto la sensibilità dell’essere sia il cardine assoluto della ricerca, il fulcro della poesia, l’anello di congiunzione tra visione e passione.

Dovremmo lasciarci emozionare di più, forse.

Link MIR: https://www.mir.no/

Link ENGRAM: https://www.engram.it/

Link Filippo Bolognese:  https://www.filippobolognese.ch/images