presS/Tletter

presS/Tletter

“Storia dell’urbanistica n.13/2021, A Roma. Immagini Figure e Idea di una città.” – recensione di Mario Pisani

“Storia dell’urbanistica n.13/2021, A Roma. Immagini Figure e Idea di una città.” – recensione di Mario Pisani

Autore: redazione
pubblicato il 12 Luglio 2022
nella categoria Recensioni Testi

La rivista, fondata nel 1981 da Enrico Guidoni, docente di chiara fama a Roma La Sapienza Facoltà di Architettura, di Storia dell’architettura e della città, è attualmente diretta da Ugo Soragni, Dirigente del Ministero per i beni e le attività culturali. Il numero 13 affronta, con un ampio ventaglio di saggi di sicuro interesse, alcune vicende che riguardano, come recita il sottotitolo, proprio la città di Roma.

Si inizia dai primi del Novecento per giungere fino agli anni Ottanta.

La lunga lista di saggi appare a prima vista come una serie di micro storie, avvenimenti molto particolari all’interno di eventi più ampi e complessi. Alludo in particolare a ciò che hanno prodotto due importanti esibizioni: la Mostra critica delle opere michelangiolesche 1964, con il monumentale catalogo, realizzata da Paolo Portoghesi e Bruno Zevi. “Una volontà di non rispetto degli spazi ospitanti” e una anticipazione del postmoderno. Ad essa si aggiunge Roma interrotta 1978 curata da Piero Sartogo, “una interpretazione attivamente spaziale dei temi esposti”. Entrambe messe in luce con puntualità da Maria Clara Ghia. Oppure al testo elaborato da Carla Subrizi che ci narra le vicende del Muro di Alighiero Boetti: un esperimento ‘privato’ a Roma nei primi anni Settanta. “Una pittura palinsesto”.

Si tratta di eventi particolari. Alcuni, come Roma e i fuochi d’allegrezza, trattati da Leone Spita, ha i suoi presupposti nel ventoso barocco e possono sembrare dettagli, squarci di episodi più ampi. Spesso però proprio questi dettagli riescono a far intravedere tra le righe il clima generale e ciò che stava mutando nel confronto delle idee.

Alcune di queste storie sono abitate da personaggio illustri e avvincenti come Palma Bucarelli con la sua “abbacinante girandola” romana, magnificamente descritta da Lorenzo Cantatore. La direttrice della Galleria d’Arte Moderna ha segnato con intelligenza e saper fare aspetti innovativi della politica culturale e artistica della città. Ed ancora oggi si possono leggere le tracce di quel percorso intenso e innovativo. Altri, come il testo di Carlo Pavolini, indagano sulle vicende del sottosuolo romano spesso sconquassato da operazioni di facciata prive di visioni generali.

Lorenzo Canova ci offre invece un’indagine accurata e intensa del rapporto tra Giorgio De Chirico la metafisica e la città eterna “più bella forse che ci sia nell’eterna combinazione di paesaggio e d’architettura, di pietra tagliata, geometrizzata e costruita”.  E soprattutto in grado di fornire cose strane, sconosciute e solitarie che possono essere tradotte in pittura. Tutte riescono a darci il senso compiuto di ciò che in apparenza può sembrare solo elementi di un puzzle indecifrabile.

Si parte con la lettera a Roma di Orazio Carpensano, accompagnata da intense immagini in bianco e nero di Alessandro Lanzetta. Scandiscono con puntualità angoli struggenti del centro e della periferia della Città Eterna nella consapevolezza che non si può dominare la sua complessità mentre avanza, sempre più impellente, la necessità di attivare le grandi infrastrutture ambientali rappresentate dai suoi parchi, dai suoi fiumi, dal suo mare. Il cinema ha guardato con attenzione la periferia di Roma e di recente sembra lasciare spazio oltre ai registi delle nuove leve anche ai documentaristi che come in Sacro Gra di Gianfranco Rosi sono riusciti a mostrarci l’altro volto della città.

Da non perdere la lunga cavalcata di Antonella Greco che partendo dai testi di Émile Zola in visita nella capitale del nuovo regno incontra i personaggi più interessanti di fine secolo. Il saggio inanella una serie di intriganti suggestioni che passando da Venezia alla Quadriennale giungono fino all’E42, in quel brano di città ironizzato dalle fantasie felliniane, in cui una comunità si è riconosciuta.

In copertina: A cura di Antonella Greco e Elisabetta Cristallini, Storia dell’urbanistica n.13/2021, A Roma. Immagini Figure e Idea di una città, Edizioni Caracol Palermo 2021, p. 464 con numerosi disegni e foto in b. e n. e a colori, € 38,00.