ATTENZIONE! QUALCUNO VUOLE CONQUISTARE LA GROENLANDIA – di Alessandra Muntoni

Eschimesi e Inuit l’abitano da tempo, ma ci sono anche danesi, norvegesi, islandesi, e proprio a Thule, nome noto fin dall’antichità per indicare le terre dell’estremo Nord, c’è una base USA che si occupa di meteorologia e di altro (materie prime, terre rare, oro, platino). Ora che tutti parlano di andare a colonizzare Marte o a cercare qualche altro pianeta simile alla terra che rivoluzioni intorno a un altro sole, mi è sembrato importante il rinnovato interesse per quella immensa “Terra Verde”. Così la chiamò il suo primo colonizzatore, l’irascibile Erik il Rosso, navigante norvegese esiliato per omicidio. Ora che il lento scioglimento dei ghiacci della Groenlandia – coprivano circa l’80% dell’isola-continente (2.175.600 Kmq, lunga 2.650 Km, larga 2.650 km) – ne sta aumentando le terre abitabili e rende navigabili le acque polari accorciando le rotte tra i continenti, il suo ruolo geopolitico diventa determinante.

Qualche annotazione:

-Il vichingo Erik il Rosso riuscì a installarsi lassù nel 988 e descrisse le nuove terre con toni entusiastici forse per favorire l’aumento dei coloni, ma anche perché si era di fronte all’innalzamento della temperatura intorno al X secolo che favorì la ripresa dal Medioevo.  Seguì la “piccola era glaciale” (dalla metà del XIV alla metà del XIX secolo), sorta di “periodo interglaciale” che corrisponde all’evo moderno. Ora saremmo di fronte a un nuovo innalzamento della temperatura, a rischio perché accelerato dall’inquinamento.

– Ormai autonoma dalla madrepatria danese, l’isola ha come capitale la città di Nuuk. Situata nella parte occidentale della punta meridionale dell’isola, vi si trova un’architettura affascinante, fatta di piccole case colorate arrampicate sulla costa scoscesa. Dominano il rosso, il giallo, il blu, colori primari che d’inverno spiccano sul bianco della neve, e d’estate sul verde della bassa vegetazione. Un tipo d’insediamento, ben diverso da quello delle nostre metropoli sovraffollate, che esprime una modalità gradevole e divertente dell’habitat. Gli abitanti sono attualmente circa 60.000!

-L’isola non è in vendita. Donald Trump avrebbe voluto comprarla, ma la sua offerta è stata respinta sdegnosamente. L’ex Presidente USA aveva però capito l’importanza strategica della Groenlandia, aprendo una questione che potrebbe avere conseguenze assai pericolose.

Scrivi un commento