ARCHITETTURA E MODA – STILISTI INFLUENZATI DALL’ARCHITETTURA #5 – DI CARLO GIBIINO

Oggi Tom Ford e Eero Saarinen

Un altro esempio è il noto designer Tom Ford che ha iniziato i suoi studi in architettura presso la Parsons School of Design di New York City prima di passare alla moda il suo ultimo anno. Ford ha dichiarato: “Ho capito che la moda era il giusto equilibrio tra arte e commercio, e basta.” Incorpora sempre la sua conoscenza dell’architettura nelle sue creazioni, in particolare quando si tratta della sua attenzione ai dettagli. Ford ha nominato l’architetto Eero Saarine come qualcuno da cui cercare ispirazione.

Architettura e moda vanno sempre di pari passo, anche se guardiamo al passato. Nel diciannovesimo secolo, quando esistevano stili di costruzione con dettagli esagerati (vittoriano e gotico), la moda era esagerata e decorata eccessivamente. Negli anni ’50, quando l’Art Deco era all’apice, anche l’abbigliamento era colorato e giocoso. Attualmente, il minimalismo sta assumendo il controllo sia nell’architettura che nella moda, quindi si guarda più alle forme piuttosto che alla decorazione.

Il terminal TWA è un simbolo concreto delle rapide trasformazioni tecnologiche alimentate dall’inizio della seconda guerra mondiale. Eero Saarinen ha cercato di catturare la sensazione di volo in tutti gli aspetti dell’edificio, da un interno fluido e aperto, al guscio di cemento a forma di ala del tetto. Per volere di TWA, Saarinen ha progettato più di un terminale funzionale; progettò un monumento alla compagnia aerea e all’aviazione stessa.

Si è speculato tanto, nel corso della storia, sull’ispirazione della forma che Saarinen ha trovato per il terminale. In linea con il ruolo dell’edificio come volto architettonico di TWA, molti hanno notato la sua somiglianza con un uccello o un aereo in volo. C’è, tuttavia, una storia apocrifa che suggerisce che la vera ispirazione di Saarinen non è stata trovata nell’aviazione, ma nella scorza scavata di un pompelmo. Che la storia sia vera o no, Saarinen non ha mai affermato che il suo progetto doveva rappresentare qualcosa di fisico; era, ha insistito, su un’astrazione dell’idea del volo stesso.

La fluidità dell’esterno del terminal è stata trasportata fedelmente anche all’interno. La volta della copertura del tetto ha permesso una disposizione interna spaziosa e scorrevole, quasi interamente priva di confini spaziali. Ogni elemento, sia strutturale che circolatorio, è stato realizzato in questo modo; le scale erano tutte curve, e persino le colonne che sostenevano i passaggi pedonali superiori erano perfettamente fuse sia nel terreno che nei soffitti.

Il terminal completato fu il 28 maggio 1962. Lo stesso anno, Saarinen vinse la medaglia d’oro AIA postuma, essendo morto prematuramente per un cancro al cervello nel 1961. Il nome dell’aeroporto fu cambiato in John F. Kennedy International Airport nel dicembre 1963.

 

 

TWA Flight Center / Eero Saarinen © Cameron Blaylock

 

In copertina: Tom Ford collection  / TWA Flight Center by Eero Saarinen, 1962

 

 

Scrivi un commento