Architects meet in Selinunte 2019: Report Evento

Si conclude la nona edizione di Architects meet in Selinunte, svoltasi dal 13 al 16 giugno 2019 presso il Parco Archeologico di Selinunte (TP) e promossa dall’AIAC Associazione Italiana di Architettura e Critica e PresSTfactory, in collaborazione con lo Studio la Monaca, con il patrocinio del Parco Archeologico di Selinunte e Cave di Cusa, Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti, Conservatori della Provincia di Trapani, Fondazione Architetti nel Mediterraneo di Trapani “Francesco La Grassa” e con il sostegno della Fondazione Sicilia. 

L’edizione 2109 dal titolo Interior Landscape – La crisi dell’architettura è crisi di idee? ha affrontato il tema del Paesaggio Interno giocando sull’ambiguità del termine. Da un lato il paesaggio interno allude a vaste aree dell’Italia dove sono in atto fenomeni di degrado e di spopolamento e dove occorre intervenire con decisione reinventandosi le ragioni dello sviluppo, attivando trasformazioni urbane, attività economiche innovative, assetti spaziali alternativi. Dall’altro lato il tema allude allo spazio dell’interior: un tema da sempre considerato di secondo piano, figlio di un dio minore; eppure è lo spazio dove gli architetti oggi trovano maggiori occasioni e dove si attivano sperimentazioni che le leggi edilizie, sempre più vincolistiche e incomprensibili, negano alle altre scale. Vi è, infine, l’aspetto dei concorsi di architettura, della qualità che non riesce a venir fuori per una crisi di valori che segna il caso Italia. 

Come riattivare, dunque, la macchina delle idee? Ne hanno discusso centinaia di architetti provenienti dall’Italia e dall’Europa in tre giornate: a fornire un punto di partenza per la riflessione è stata una lecture del critico William J.R. Curtis; si sono susseguite, poi, presentazioni, dibattiti, tavole rotonde, installazioni e performance. 

Sono stati assegnati anche i seguenti premi: 

Premio Internazionale Selinunte a Francisco Mangado
Premio Speciale 
Fondazione Sicilia a Alberto Cecchetto
Premio Speciale Design a Massimo Iosa Ghini
Premio alla Carriera a Franco Zagari
Premio Nazionale a Camillo Botticini
Premio Nazionale a IO Arch

Seguono alcune immagini delle tre giornate: credits Moreno Maggi, Giulia Fontana, Marta Ferro

Per le foto dei singoli interventi scrivere a roberta.melasecca@gmail.com 
mandando una foto per riconoscimento

 

Scrivi un commento