Epoche cerniera e patrimonio (Notre Dame) – di Marco Ermentini

Ci sono periodi della storia che sono delle frontiere dove un mondo finisce e un altro inizia: è proprio il tempo che stiamo vivendo. In questa situazione è sensato e anche necessario erigere qualche barriera, per quanto fragile, contro l’erosione di cui è portatrice. Marc Augè nel suo ultimo libro: “Chi è dunque l’altro?” ci esorta a riflettere su questo tema. 

Si sa che il nostro patrimonio immateriale è sempre iscritto in quello materiale. Ad esempio la sapienza costruttiva dell’edificazione di una cattedrale. Non si deve dimenticare, del resto, che la storia è sempre esistita e che il patrimonio che oggi vogliamo mantenere è stato già precedentemente oggetto di trasformazioni. Idealmente, l’unico modo di conservare un patrimonio è permettergli di continuare a cambiare in modo intelligente.

Scrivi un commento