presS/Tletter
 

Il nutrimento dell’architettura [2.9] – di Davide Vargas

VIAGGIO IN ISRAELE_2

Il Design Museum Holon disegnato da Ron Arad è un edificio scultura. È stato inaugurato nel 2010 e si colloca nella cittadina di Holon a sud di Tel Aviv, tra una edilizia residenziale ingombrante e volgare. L’edifico è un piccolo volume avvolto da cinque fasce di acciao corten avvolte come spirali. Praticamente è esso stesso un oggetto in esposizione. Si prova una sensazione avvolgente a stare nella piazza esterna tra le sfumature di rosso e arancio dei nastri di acciaio. Ma il punto è il rapporto con l’intorno. Nel 2017 il museo ha ospitato una mostra interattiva, titolo: “Sound and Matter in Design”, dove le forme dell’architettura si trasformavano in strumento sonoro dentro una sorta di triangolazione di influenze tra musica materia architettura. La voce dell’edificio è la sua cifra. Eppure con la sua forza iconica è l’unico punto di silenzio nel rumore fastidioso di un intorno affastellato di inutili segni di un kitsch spinto.

Nelle piccole sale del museo Maarten Baas espone Smoke, arredi antichi semi carbonizzati ottenuti attraverso un processo di bruciatura e poi di fissaggio. Una specie di risposta.

Ti piace questo articolo? Condividilo!

Leave A Response