Young Italian Architects 2018 – OSA

osa opificio sperimentale d’architettura
b.a.co. o biblioteca al cortile

descrizione
Il concept del progetto si basa sull ‘idea di voler reinterpretare e fondere due temi che caratterizzano l ‘architettura privata e pubblica di Milano: il cortile, spazio privato tipico dei palazzi milanesi e la piazza, luogo pubblico per eccellenza. La biblioteca, B.a.Co., riprende questi due aspetti e li sintetizza.
Esternamente l ‘edificio è un volume iconico, rivestito di pannelli vetrati opachi e scandito da un basamento, altro elemento tipico degli edifici del quartiere, reinterpretato come una fascia trasparente caratterizzata da scritte ed immagini che fanno esplodere all ‘esterno i temi contenuti nella biblioteca, invitando gli utenti ad entrare.
L ‘interno, come un cortile, è definito da due grandi scalinate, che formano una piazza.
B.a.Co. è inoltre connessa con il parco, grazie all ‘asse centrale, che attraversa la biblioteca, e dal quale si diramano percorsi che portano alle piazze, in parte rialzate a formare delle asole luminose sui cui sono riportati testi di canzoni e racconti.
(osa)

scarica la scheda n.01 del progetto
scarica la scheda n.02 del progetto

crediti
nome studio: osa opificio sperimentale d’architettura
nome progetto: b.a.co. o biblioteca al cortile
luogo: milano
progettisti: matteo romanelli, francesco nicolai, mattia bencistà
collaboratori:
consulenti:
periodo di progettazione: gennaio – febbraio 2018
destinazione intervento: nuova biblioteca rionale del quartiere lorenteggio
dimensioni opera: 2000 mq

note biografiche
osa opificio sperimentale d’architettura (terni)
matteo romanelli (narni – tr, 1986), francesco nicolai (castel del piano – gr, 1989), mattia bencistà (fiesole – fi, 1994).

Scrivi un commento