Young Italian Architects 2018 – DI CURZIO

maurizio di curzio
ibosco

descrizione
Immaginiamo il bosco in un sogno futuro, lontano dal tempo in cui queste forme naturali ricoprivano gran parte dei nostri territori prima ancora dell ‘ascesa dell ‘uomo. Congiunzione di una forma più classica e arcaica apparizione quale bosco comune della nostra macchia mediterranea a Quercus ilex, nome comune Leccio, disposto a formare un impianto a quinconce si evolve nell ‘era moderna e contemporanea in una figura Hi-Tech 3.0 a passo con i tempi e l ‘evoluzione dell ‘uomo stesso. Rappresentazione metaforica e amplificata di una realtà aumentata. Uno spazio a vocazione naturale trasformato e dotato di vita artificiale propria con collegamenti Wireless/Wifi. Strutture cilindriche in policarbonato sostituiscono i fusti dominando un paesaggio urbano prossimo. Chiome arboree, a luci led e neon, illuminano la notte e l ‘oscurità quasi a costituire una massa muscolare di impulsi e neuroni di una vegetazione artificiale dotata di un ‘anima naturale ormai forse persa nei tempi.
(maurizio di curzio)

scarica la scheda n.01 del progetto
scarica la scheda n.02 del progetto

crediti
nome studio: maurizio di curzio
nome progetto: ibosco
luogo: roma
progettisti: maurizio di curzio
collaboratori:
consulenti:
periodo di progettazione:
destinazione intervento: spazi pubblici
dimensioni opera: 6×6 mt, h 6 mt

note biografiche
maurizio di curzio (roma, 1988) ha il suo studio a roma.

Scrivi un commento