Young Italian Architects 2016 – ARCIPELAGO

arcipelago
hold the line o a flexible tool for an adaptable city

ARCIPELAGO_3

descrizione
Affrontando il tema della città adattabile, questo progetto propone per Molfetta un sistema flessibile e modulare, per la riqualificazione dell ‘intero waterfront. Il sito è costituito dai due bracci di costa a Est e ad Ovest del Centro storico, lunghi quasi 1,5 km.
La costa viene ridisegnata da un unico gesto, la linea, che attraversa l ‘intero sito e si articola in modi diversi, a seconda delle esigenze specifiche. Il modulo minimo è costituito da un telaio metallico bianco di spessore minimo, che con aggiunte e ripetizioni si declina in diverse tipologie, forme e funzioni.
L ‘obiettivo è quello di restituire il lungomare ai cittadini, facendo vivere ed abitare il litorale, sfruttando al meglio tutte le risorse esistenti, ma non valorizzate, attraverso processi di auto-organizzazione, auto-manutenzione e condivisione. Allo stesso tempo l ‘utilizzo di un unico oggetto ripetuto fornisce un ‘immagine unitaria ad un waterfront che al momento appare frammentato e disorganizzato.
(arcipelago)

scarica la scheda n.01 del progetto
scarica la scheda n.02 del progetto

crediti
nome studio: arcipelago
nome progetto: hold the line o a flexible tool for an adaptable city
luogo: molfetta – ba
progettisti: nicola dario baldassarre, pasquale cipri, salvatore dentamaro, nicoletta faccitondo, andrea salvatore, margherita valente.
collaboratori:
consulenti:
periodo di progettazione: 2015
destinazione intervento: waterfront
dimensioni opera: 4,2 km

note biografiche
arcipelago (bari).
nicola dario baldassarre (bari, 1988), pasquale cipri (corato – ba, 1986), salvatore dentamaro (terlizzi – ba, 1988), nicoletta faccitondo (bari, 1986), andrea salvatore (ariano irpino – av, 1985), margherita valente (molfetta – ba, 1988).

Scrivi un commento