L ‘arte, i migranti e la nostra sentita partecipazione – di Antonio Tursi

foto 1

Le pratiche dell ‘arte partecipativa, mappate da Claire Bishop in Inferni artificiali, manifestano una doppia ontologia: esse si rivelano sia artistiche che sociali, emergono proprio nella tensione tra arte e vita.

Ancorate al mondo reale, alla vita quotidiana dei partecipanti e allo stesso tempo capaci di sospenderlo e rivelarne dimensioni inesplorate, contraddizioni e paradossi.

Per leggere l ‘articolo completo

http://mimesis-scenari.it/2015/10/07/larte-i-migranti-e-la-nostra-sentita-partecipazione/

Scrivi un commento