presS/Tletter
 

Misurare, cioè Le Corbusier – di Alessandra Muntoni

Chandigarh La main ouverte ® S. Herbert

Misurare: un’azione elementare ma aperta all’infinito. La Mostra al Centre Pompidou, dedicata a Le Corbusier a cento anni dalla sua morte, ci ha spiegato proprio questo. Anzi, ce lo ha rappresentato plasticamente con i suoi disegni, i suoi quadri, le sue sculture, le sue opere architettoniche, i filmati di come si vive dentro le sue case, di come si è discusso nei CIAM, di come Le Corbusier ha continuato a disegnare e a spiegare il Modulor fino agli ultimi giorni della sua vita.

Misurare significa per lui afferrare ÔÇÆ con la mente e con la mano ÔÇÆ il mondo che ci circonda, il tempo, la storia. ├ê poco? Non è politico? ├ê molto di più.

L’architettura moderna e contemporanea si è formata nel Novecento: un secolo terribile, aperto con la Rivoluzione di Ottobre, due guerre mondiali e chiuso, nel 2001, con la distruzione delle Twin Towers. Come dominare/misurare gli eventi?

Le Corbusier si pone il problema della misura fin dall’inizio del secolo. ┬½A ventitre anni, sul suo tavolo da disegno, il nostro uomo ha disegnato la facciata di una casa che sta per costruire. Gli si pone un’angosciosa domanda: Qual’è la regola che informa, che lega tutte le cose? Mi trovo di fronte a un problema di origine geometrica; sono in pieno fenomeno visuale; assisto alla formazione di un essere in se. Dall’artiglio si riconosce il leone! Dov’è l’artiglio, dov’è il leone? Grande inquietudine, grande turbamento, grande vuoto┬╗. Da questi tormenti Le Corbusier uscirà con il Modulor, serie di tracciati armonici basati sulla misura dell’uomo e sul luogo dell’angolo retto.

Anche la Main ouverte, simbolo della città di Chandigarh, è costruita sul rettangolo aureo, come si vede in un disegno esposto alla Mostra: è la mano che riceve per poter restituire e assomiglia a un uccello che sta spiccando il volo. Così come la serie di Fibonacci è senza fine, altrettanto la mano aperta può andare lontano, afferrando la realtà dell’oggi ma correndo verso l’infinito. ├ê un modo, non solo evasivo, per misurare gli eventi.

In copertina: Chandigarh La main ouverte ® S. Herbert

Ti piace questo articolo? Condividilo!

Leave A Response