presS/Tletter
 

Infraspazi timidi – di Marco Ermentini

infraspazi

Forse non c’è n’è siamo accorti ma ci sono spazi piccoli, discreti, timidi che possiedono qualcosa di speciale. Un non so che, un quasi niente che si oppone alla pienezza, al chiasso del mondo. Una specie di sacca di resistenza capace di mandare in tilt le nostre certezze. Si tratta di piccoli luoghi che si nascondono ad uno sguardo distratto ma che possiedono un grande valore .

Forse è proprio da questi margini, da questi bordi dimenticati che l’architettura, dopo tanti fallimenti, potrà rinascere riponendo fiducia nella vulnerabilità e nella contaminazione. Così dal riconoscimento della fragilità ne consegue la necessità di prendersi cura del mondo per dare avvio ad un nuovo inizio; per cercare di consegnare alle future generazioni un mondo gentile.

 

Se ne parlerà mercoledì 4 giugno alle 21 a Cittadella PD nell ‘ambito di

A-WAY_Impulsi urbani.

Ti piace questo articolo? Condividilo!

Leave A Response