presS/Tletter

presS/Tletter

Arte e Azione. Fundamentals – di Guido Aragona

Arte e Azione. Fundamentals – di Guido Aragona

Autore: Guido Aragona
pubblicato il 30 Maggio 2014
nella categoria Diagonali di Guido Aragona

Dei giorni scorsi è la notizia della assegnazione del Leone d 'oro alla carriera a Phyllis Lambert da parte della Biennale di Venezia Architettura. Commentando questo fatto nel Sole Edilizia e Territorio, il nostro LPP, tra le altre cose, giustamente ha rilevato che tale assegnazione non convince, non tanto per i meriti della persona (che indubbiamente ci sono), quanto perche questi meriti non sono congruenti con l 'oggetto: Leone d 'oro per l 'architettura, alla carriera. Infatti è stato dato, per esplicita motivazione del premio non come architetto, ma come committente e curatore. Forzando un po ' i termini, direi che è come dare il PALLONE d 'oro alla carriera a Ferlaino perche spese molto per far giocare nella sua squadra Maradona. Nella scorsa edizione, come forse ricorderete, si diede il Leone d 'Oro (per il progetto più rappresentativo del tema generale prescelto Common Ground) al riuso spontaneo della Torre David a Caracas. Anche in questo caso, premiando l 'occupazione della Torre David di Caracas si premiò una azione, non un 'opera d 'arte. Una praxis, non una poiesis. Non venne dato il premio perche il prodotto del fare degli occupanti di Caracas era esemplare in quanto produzione architettonica, come ottimo risultato dell 'arte del costruire. Ma venne premiata la azione di ricavare direttamente, da un colosso edilizio abbandonato, abitazioni e servizi di cui si aveva carenza e bisogno, rappresentata dal padiglione Venezuelano. Una prassi, appunto. Ma l 'architettura, in quanto arte del buon costruire, è nel campo della poiesi, non della prassi. Questa faccenda di nominare diversamente il fare (e fare arte è solo il fare poietico, non quello pragmatico) può sembrare, come suol dirsi volgarmente, una pippa mentale. Ma non è così. Svariati filoni dell 'arte novecentesca hanno proposto operazioni pragmatiche, anziche opere poietiche, spesso oltrepassando il limite fra Arte e Azione. Ma se non è chiaro questo limite, la stessa significatività di quelle opere si perde. La discussione sul cosa sia l 'arte, sotto questo profilo, è comunemente male impostata, perche la discriminante si dà in base al giudizio di valore estetico. Un pittore è bravo e allora fa arte, uno è un cane e allora non è arte. Questa discriminante era in parte giustificata o in altri secoli - dall 'ansia dei bravi artisti di essere distinti da quelli mediocri, e dagli artigiani. Ma in realtà, la vera distinzione concettuale è fra prassi (non arte, ma azione) e poiesi (arte). Poi ci saranno azioni belle e buone e brutte e cattive, arte bella e buona e brutta e cattiva. In quel senso, la discussione se una cosa sia arte o no non è oziosa o superata, è un dato di base. Cominciare a dire che le 7000 querce di Beuys, come tante altre sue actionen non sono o per definizione, per costituzione o arte, non vuol dire arroccarsi tristemente in una difesa conservatrice del passato, significa solo difendere una legittima volontà di interpretare e nominare correttamente il mondo. Piantare alberi è bello, ci piace, magari è qualcosa di per se più meritevole che dipingere un quadro, può essere una legittima e lodevole provocazione di un artista , ecc. ecc. ma non è arte, non è una disposizione accompagnata da ragionamento vero che dirige il produrre (poiesis) . La definizione di arte (teckne) sopra riportata è contenuta in Aristotele, Etica Nicomachea VI, 4 , in cui si parla della distinzione praxis- poiesis da cui eravamo partiti. Qualcuno forse saprà che in quel brano, tra l 'altro, Aristotele utilizza per spiegare il concetto, come esempio di arte, proprio l 'architettura. E tuttavia, se andiamo nel testo originale, ciò che viene comunemente tradotto come architettura è la oikodomike (letteralmente costruire case). Anche sul termine architettura forse ci sarebbe da fare una ripulita, ora mi pare che con questa parola si designino troppe cose. Questo per dire che forse, quando la confusione terminologica arriva al punto di affaticare la lettura stessa dei fenomeni, non è male andare a rivedere certe distinzioni concettuali e terminologiche, la loro origine anche nella tradizione del pensiero. Insomma, recuperare i basamenti. Fundamentals. Link per approfondimento Link all 'articolo di Prestinenza Puglisi sul Leone d 'oro alla carriera 2014 http://www.ediliziaeterritorio.ilsole24ore.com/art/progetti-e-concorsi/2014-05-21/koolhaas-leone-phyllis-lambert-102705.php?uuid=Ab3FNVmJ   Link per il premio 2012 alla torre David di Caracas, con il commento di Chipperfield http://www.labiennale.org/it/mediacenter/video/torre-david.html Link al commento video di LPP sul premio alla torre David https://www.youtube.com/watch?v=yspz6cpgpMU   Link al brano citato di Etica Nicomachea di Aristotele http://www.webethics.net/testi/Aristotele_Etica_Nicomachea.pdf