Young Italian Architects 2014 – RESTART

restart
back to the future

descrizione
BackToTheFuture nasce dall ‘idea di reagire al Buco Nero morale che l ‘incendio di Città della Scienza di Napoli lascia dietro di se, con una riflessione di più ampio respiro sul futuro di una parte di città startegica. La risposta è dunque certamente quella di un ‘azione immediata, che rappresenta la terza via rispetto al dibattito che si è acceso tra i fautori del com ‘era-dov ‘era e i sostenitori del com ‘era-ma altrove.
La vera alternativa diventa il ritorno al futuro, con un ‘idea che riporta Città della Scienza dov ‘era-ma diversa.
Un ‘infrastruttura leggera che si snoda tra gli elementi architettonici sopravvissuti alle fiamme, su più livelli e recuperando tutta la complessità dell ‘organizzazione planimetrica del progetto originario, ottimizzandone gli spazi, trasformando l ‘intera area in uno spazio pubblico attrezzato offerto alla città, affermando la volontà di guardare oltre, rompendo il recinto che separava la città dal mare e accogliendo la città all ‘interno come risorsa.
Una struttura privata che rivendica il ruolo pubblico dei suoi obiettivi deve riorganizzare i suoi spazi in relazione alle esigenze e alle dinamiche della collettività.
(restart)

scarica la scheda n.01 del progetto
scarica la scheda n.02 del progetto

crediti
nome studio: restart
nome progetto: back to the future
luogo: napoli
progettisti: danilo iacone, mattia f. leone, vittorio santangelo
collaboratori:
consulenti:
periodo di progettazione: aprile 2013
destinazione intervento: spazio pubblico
dimensioni opera: 10.000 mq

note biografiche
restart (napoli).
danilo iacone (napoli, 1979), mattia f. leone (napoli, 1979), vittorio santangelo (napoli, 1980).

Scrivi un commento