L ‘importanza di essere -ismo_ di Isabellalaura La Rocca

Testo inedito

Quando è stata posata la prima pietra dell ‘abbazia di Saint-Denis non esisteva ancora la parola gotico, eppure quell ‘abbazia sapeva molto bene di esserlo. E ne è ancora oggi il manifesto, seppure non sospettava che lo divenisse. Si tratta della ricorrente domanda: la rosa è rosa anche se non esiste il nome rosa? E: la rosa sa di essere rosa? Queste dissertazioni di gusto filosofico dovrebbero però incuriosirci in quanto architetti. Perche le pietre che si posano rimangono, per un periodo breve o lungo che sia, ma rimangono. E si sa che cosa sono? Si sa forse a quale linguaggio appartengono? Non possiamo saperlo, non sappiamo definirlo, e non ci resta che subirne l ‘esistenza. Ma: gli edifici stessi conoscono la loro intrinseca natura? Oggi, no. L ‘architettura degli ultimi venti anni si identifica con il suo autore, il quale nei più ricorrenti dei casi ha sperimentato un linguaggio vincente e personale e lo ripropone senza distinzione di destinazione d ‘uso e contesto. ├ê la firma quella che si legge universalmente, la firma di un architetto. Architettura di qualità o meno, è questo ciò che anima gli skyline delle nostre città contemporanee. ├ê normale non-preoccuparsene? Nonostante sforzi e approssimazioni, non è ancora possibile intravedere un obiettivo comune a queste architetture, semmai è possibile raggrupparle per tematiche, sostanzialmente discendenti dalla grande famiglia dei virtuosi-tecnologici e da quella degli amanti della tradizione locale. Forse l ‘obiettivo ricorrente del ventennio è da considerarsi la sostenibilità, e questo ci rende felici considerati i tempi che corrono, ma questa tematica può essere affrontata con approcci molto diversi tra loro, così da essere impossibile trovare una costante. Sarà di certo molto particolare dare un ‘etichetta, un oismo, un nome alla corrente che stiamo vivendo. Oppure sarà molto facile perche lo stile non-stile degli anni zero sarà paradossalmente più carico di linguaggio e di stile di quanto sarà quello degli anni Venti. Perche è coì importante? Perche è arrivato il momento di chiedersi cosa il nuovo capitolo che verrà scritto nei futuri manuali di storia dell ‘architettura contemporanea possa dire di noi. E soprattutto fare in modo che non ci siano città divise tra intoccabili e congelati centri storici e puntuali sporadici schizofrenici esempi di architettura contemporanea.

DATI PERSONALI:
Nome: Isabellalaura
Cognome: La Rocca
Data e luogo di nascita: 03/11/1988, Palermo (PA)
Professione: Architetto

Scrivi un commento