OBIQUA di Laura Palmieri: mostre presso La Nube di OOrt e Interno 14

Tenis-BW-web-small-DSC0390

Il giorno 14 Marzo 2014 ore 18,30 la galleria La Nube di OOrt e Interno 14_lo spazio dell ‘AIAC

presentano in contemporanea

OBIQUA di LAURA PALMIERI

Le mostre, curate da Simonetta Lux, espongono i lavori di ultima creazione di Laura Palmieri, artista napoletana di nascita, romana di adozione, che vedono l ‘intrecciarsi d ‘immagini architettoniche di varie epoche, soprattutto architetture romane, con bestie che le sovrastano, in una associazione inquietante e imprevedibile che sta diventando la cifra (o almeno una delle cifre) dell ‘artista: il cambio di inquadratura sulla realtà riesce sempre a sorprendere. Un moderno bestiarium. C ‘è un profondo senso d ‘inadeguatezza dell ‘operato dell ‘uomo che queste rappresentazioni suggeriscono, insieme a molti interrogativi che si insinuano provocati dalla vaga sensazione di innaturalezza di fronte alle strutture architettoniche con cui l ‘homo sapiens celebra i rituali collettivi o personali o più semplicemente riorganizza il mondo.

Le opere presentate negli spazi della galleria La Nube di OOrt sono realizzate con la tecnica del disegno a inchiostro di china su tela, in bianco e nero: un omaggio a Roma, per la lunga tradizione nell ‘uso superlativo del disegno praticato in questa città, da Piranesi alla pittura segnica dell’astrazione romana.

Negli ambienti di Interno 14 verranno esposte opere, disegni e progetti dell’artista e verrà inaugurato un grande lavoro sull ‘ombra eseguito con la tecnica della grafite su muro.

animale

L ‘arte di Laura Palmieri è il disegno di una persa centralità o forse sempre illusoriamente attribuita all ‘artista nell ‘arco della ormai conclusa epoca modernista. E ‘ obliquamente sperimentata e ubiquamente praticata nell ‘attraversamento di campi (campi disciplinari? campi da tennis?) e nell ‘esercizio critico della memoria culturale. ÔǪ

Si tratta di idoli della comunicazione condivisi dall ‘artista e da noi: sono innalzati attraverso il caldo della materia pittorica, china nera o a colori e grafite, alla dignità di arte, di un ‘arte che non ha più valore e che pur tuttavia anch ‘essa si ribadisce, fantasmaticamente, come i fantasmi che trasporta: pezzi morti di città, gusci, corpi vivi.

Roma o Morte su cornice marcapiano (Giuseppe Garibaldi), edificio Fiat (ormai abbandonato), Porta Maggiore – tomba del fornaio, Stazione Termini, Nuraghe, Posta di Ostia, Posta di Adalberto Libera alla Piramide, Latrina di Ostia antica. Ed inoltre Giraffe, Elefante, Orsa e Orsetto, Suricato, Animale Marino, Koala, Topo, Pidocchio, Rana, Ippopotamo.

La prima strategia di comunicazione possibile con chiunque le si accosti è fatta di materialità e di presenza. Si intreccia alla seconda: fatta dell ‘assenza, del vuoto. Il fondo non ha segni, non c ‘è storia ne contesto. La terza e finale, ma in verità la prima sia nella creazione sia nella nostra percezione, è la associazione inconsulta di animali e oggetti architettonici. Avanzano dal fondo vuoto esseri animati, rampanti, dormienti, sonnecchianti, incombenti e fuori scala, attaccati come lumache su pezzi residui di architettura un tempo animata .

Il primo impatto è di un messaggio di alienazione mentale e di interruzione confusa del legame con la realtà: la solitudine dell ‘oggetto e della sua immagine.

Ma l ‘artista o se ci avviciniamo- ci rassicura: la grande Orsa madre tira su il suo piccolo sul tetto piano del blocco mazzoniano della Stazione Termini, all ‘ombra della cilindrica Torre d ‘acqua immortalata da tanti artisti postmoderni e che ci accompagna distrattamente la vista ogni volta che percorriamo le strade parallele e i sottopassi; l ‘ippopotamo se la dorme, sul grido che si dice Garibaldi il 18 agosto 1862 lanciò durante il suo soggiorno a Catania, la notte prima di partire per la sua spedizione di libertà e unità d ‘Italia; l ‘Orsa abbraccia le bocche di forno marmoree della tomba di Virginio Eurisace, davanti alla quale stridendo girano i tram verso le periferie, entrando e uscendo dalla Porta Maggiore delle mura aureliane; il Pidocchio gratta la cornice del tempio di Vesta; le Zebre gemellate a macchia di Rorschach si vantano del loro manto rigato sovrastando la chiesa romanica della S.Trinità di Saccargia del 1116; il Phascolarctos Cinereus o Koala ci guarda avvinghiato all ‘albero della bomba; la Giraffa adagiata sul pisciatoio di Ostia Antica armonizza il suo mantello con un pezzo di antico opus reticulatum (perche possiamo dirci africani chiosa Palmieri nella scheda d ‘archivio). Solo un interno di prigione italiana è vuoto di animati: pende al centro la corda di suicidi impiccati, ai lati quattro letti rauschenberghiani stanno appesi alle pareti della cella, che non ha spazio per la normale disposizione.

La persistenza di vita è una forma di drammatizzazione ironica e postmoderna: che non esclude rabbia ed ira.

La scultura Circe (il cui bozzetto recita: Maiali e campo da tennis in terracotta rossa e bianca) e la china del porcino, trasportano una sfilza di energie negative per eccellenza, abbinate al gioco -e quindi a una struttura- borghese per eccellenza: il tennis, intorno al cui campo i porcellini grufolano sbagliano il gioco (stanno pronti a giocare ai quattro cantoni ?). (Simonetta Lux)

Il catalogo che accompagna la mostra presso La Nube di OOrt, stampato per le Edizioni La Nube di Oort, raccoglie, sotto il titolo Arte obiqua di Laura Palmieri, un saggio di Simonetta Lux La preda sfuggita e un testo dello scrittore Beppe Sebaste intitolato Il Vecchio col Piccione (Conversazione con Laura Palmieri).

colonna

 

Breve biografia di Laura Palmieri

Laura Palmieri, nata a Napoli nel 1967, vive e lavora a Roma. Tra le numerose mostre personali e collettive a cui ha partecipato menzioniamo:

2013 Flush, Fountain art fair New York, a cura di Virginia Villari, New York.

2009 Take the Space, a cura di Patrizia Ferri, Palazzo della Vicaria, La Salerniana, Trapani.

2012 Fragile per sempre, a cura di Claudio Libero Pisano, Palazzo Incontro, Roma.

2011 Sulle scale, libro e progetto a cura di Patrizia Mania, Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali dell ‘Università degli Studi della Tuscia, Viterbo.

2006 L ‘unità dell ‘ipocrisia, a cura di Lorenzo Benedetti, (doppia personale), studio Lipoli & Lopez, Roma.

2001 Mind the gap, a cura di Patrizia Mania e Simonetta Lux, Museo Laboratorio di Arte Contemporanea La Sapienza, Roma.

1999 Babele V, a cura di J├╝rgen Schilling e Tania Lelgemann, Accademia Tedesca, Villa Massimo, Roma

1998 Lavori in corso 3, a cura di Giovanna Bonasegale, testi in catalogo di Simonetta Lux e Carolyn Cristov Bakargiev, Galleria Comunale di Arte Moderna e Contemporanea, Roma

 

L’iniziativa presso Interno 14 non si prefigge finalità commerciali di alcun genere, ma fa parte delle attività culturali dell’associazione. L’evento sarà strettamente su invito e prenotazione: mandare una mail a uffstampaaiac@presstletter.com

 

La Nube di OOrt o Via Principe Eugenio 60, Roma

Orario di apertura : da martedì a venerdì 17.30 / 19.30 e per appuntamento (3383387824)

Finissage 3 aprile 2014 ore 19

Interno 14 – Via Carlo Alberto 63, Roma

Orario di apertura : su prenotazione e appuntamento uffstampaaiac@presstletter.com /3494945612

Finissage 3 aprile 2014 ore 19

 

Associazione Italiana di Architettura e Critica

www.architetturaecritica.it

UFFICIO STAMPA AIAC

Roberta Melasecca

uffstampaaiac@presstletter.com

tel. 349 4945612

per info eventi: www.presstletter.com

la nube

strisciata in14 e aiac

Scrivi un commento