Critiche al manifesto – interviene Sandro Lazier

Buona parte delle tesi espresse, quasi tutte, hanno un ‘evidente genesi zeviana. Mi spiace che il nome di Bruno Zevi non appaia nel testo, ma soprattutto mi sembra che manchi il tronco dell ‘albero che vanta una dozzina di rami. La ragione prima del non finito, della necessità dell ‘innovazione, dell ‘ecologia come argomento distintivo dell ‘architettura, eccÔǪ non è dichiarata e i punti proposti sembrano provenire da un sentimento mediatico condiviso, non dico incoerente, anzi, il contrario, troppo presentabile e conveniente.
Io vi propongo non un manifesto ma un elenco, rigorosamente gerarchico per chi si avvicina all ‘architettura con coraggio e voglia di rischiare.
In ordine d ‘importanza, nella redazione d ‘un progetto: al primo posto viene un ‘architettura originale, al secondo le persone che devono abitarla, al terzo le regole urbanistiche che pretendono di governarla.
Chi vi paga per un progetto vuole un ‘architettura fatta da un architetto capace, non da un filantropo ne tantomeno da un sociologo o uno storico. Chi abiterà la vostra architettura vi apprezzerà per quello che avrete realizzato e non per le attenzioni che avrete loro dedicato. Un bravo architetto, inoltre, è pagato per stravolgere le regole, non per osservarle. L ‘etica d ‘un bravo architetto,infine, la sua ragion d ‘essere socialmente sta tutta e soltanto nell ‘estetica dei suoi progetti. Se una società ha bisogno di buoni consigli non andrà da un architetto ma molto più saggiamente da un filosofo.
Tutto il resto è commento.

tratto da Antithesi: http://www.antithesi.info/testi/testo_2.asp?ID=636

2 Comments

  1. Pietro Pagliardini 13/01/2013 at 11:17

    Caro Lazier
    il fatto ├¿ che i filosofi non fanno progetti. E poi…c’├¿ filosofo e filosofo
    Buon Anno

  2. Sandro Lazier 15/01/2013 at 22:22

    Caro Pagliardini, il problema ├¿ che troppi filosofi (sociologi, antropologi, storici, filantropi, matematici, nostalgici, letterati, politologi, ecc..) fanno progetti che dicono essere d’architettura.

Scrivi un commento