Parte 6:1956-70, Capitolo 1: Una nuova era

1.2 This is Tomorrow

Giorno 8 agosto 1956 si inaugura alla Whitechapel Art Gallery di Londra la mostra This is Tomorrow.

La mostra è divisa in dodici sezioni, ognuna delle quali gestita autonomamente da un gruppo di artisti. Si delineano due tendenze. La prima è rappresentata dai cosiddetti neo-costruttivisti. Sono collegati a Paule Vezelay, la rappresentante inglese del Group Espace di Andre Bloc, e il loro obiettivo principale è il reinserimento dell’arte, purificata da ogni tensione individualista, all’interno dello spazio urbano. La seconda tendenza è più attenta alla cultura popolare, agli stretti rapporti che legano vita e arte e alle nuove tecnologie. E’ formata da personaggi che si sono frequentati all’interno del ristretto circolo dell’ Indipendent Group e hanno già organizzato iniziative di un certo successo: tra queste la mostra del 1953 Parallel of Life and Art e del 1955 Man, Machine and Motion. Sono, tra gli altri, i critici Lawrence Alloway e Reyner Banham, il designer e critico Tony del Renzo, gli artisti Eduardo Paolozzi, William Turnbull, Richard Hamilton, gli architetti Alison e Peter Smithson, James Stirling, Colin St. John Wilson. E a quest’ ultimo schieramento appartiene anche il direttore tecnico dell’ Architectural Design, Theo Crosby che, oltre a esporre, coordina l’intera manifestazione.

Per accompagnare l’esposizione del Gruppo 2, Hamilton prepara un manifesto dal titolo: Cosa è che rende le case di oggi così attraenti? L’opera, realizzata con la tecnica del collage, rappresenta un interno domestico. Accanto al padrone di casa, un culturista seminudo con in mano un gigantesco lecca-lecca, e di lato alla signora, anch’essa seminuda ma con in testa un cappello esotico a forma di paralume, compaiono elettrodomestici ( televisore, registratore, aspirapolvere), una confezione gigante di carne in scatola, un poster a fumetti, una lampada con sovraimpresso il marchio delle automobili Ford. Fuori dalla finestra: la città con le luci scintillanti dei cartelloni del teatro di varietà.

L’opera potrebbe apparire una critica scanzonata alla società dei consumi le cui ricadute nel campo del gusto la Susan Sontag analizzerà nei suoi articoli sul camp e il kitsch e i cui comportamenti di lì a qualche anno saranno il bersaglio prediletto delle contestazioni studentesche. In realtà Hamilton con occhio benevolo o indifferente si limita a predire il futuro panorama domestico e urbano della società del benessere e , insieme, la nuova arte Pop, i cui caratteri riassumerà, l’anno dopo, in queste undici parole chiave:

Popolare ( disegnata per un pubblico di massa)

Effimera ( soluzioni di breve periodo)

Spendibile ( facilmente dimenticabile)

Basso costo

Prodotti di Massa

Giovane ( indirizzata ai giovani)

Spiritosa

Sexy

Atletica

Affascinante

Orientata verso i grandi affari.

Su un versante opposto si pone il Gruppo 6 (Nigel Henderson, Eduardo Paolozzi, Alison e Peter Smithson).
Per la mostra gli architetti Alison e Peter Smithson realizzano una installazione, composta da un piccolo padiglione circondato da un patio. Si caratterizza per i materiali particolarmente poveri: legno di seconda scelta e una copertura in plastica trasparente corrugata. Il padiglione per la sua recinzione a pannelli riflettenti che costringono il visitatore a osservare la propria immagine all’interno dell’ambiente artificialmente delimitato. All’ artista Paolozzi e al fotografo Henderson il compito di collocare all’interno di questo spazio architettonico virtuale , perche fruito soprattutto attraverso le immagini riflesse dai pannelli, oggetti che alludono all’attività umana: una ruota per esprimere il movimento, una scultura per stimolare la contemplazione , il foto collage di una testa per indicare l’uomo, detriti per alludere a una condizione precaria postbellica, forse postatomica. Tre i concetti che gli Smithson vogliono rappresentare: lo spazio, la protezione e l’ intimità ( space, shelter, privacy). Una posizione forse laconica ma, in fondo, chiara nei suoi intenti di recupero di una dimensione esistenziale e di denuncia dell’ottimismo del Movimento Moderno e del vuoto formalismo di coloro che -come i seguaci dell’ Intenational Style– continuano a realizzare edifici in base a geometrici principi astratti.

Gli Smithson -che appena qualche mese prima avevano presentando alla Daily Mail Ideal Home Exibition il sin troppo eloquente prototipo di una casa del futuro, composta da componenti prefabbricati tridimensionali, realizzata con nuovi materiali, anche plastici, e che fortemente risentiva dell’influenza di Buckmister Fuller– optano insomma per un atteggiamento morigerato ma polemico che li accompagnerà quando, prima di terminare il montaggio dell’installazione del padiglione per This is Tomorrow , partono per il X congresso CIAM di Dubrovnick. Nella città Iugoslava, assenti Le Corbusier, Van Eesteren e Gropius, si consuma la fine dei CIAM. Al loro posto nasce ufficialmente il Team 10 , un raggruppamento di quarantenni formatosi già durante i lavori di preparazione del congresso, che ricentrerà la ricerca architettonica sui temi della partecipazione, dell’attenzione all’utente e della forma aperta. Nuove frontiere si aprono; gli Smithson di ritorno a Londra scrivono, non senza una punta di soddisfazione: ” il più importante risultato del decimo congresso è che il CIAM ha cominciato a dubitare delle ragioni per continuare a esistere…” E, infatti, l’ undicesimo CIAM di Otterlo del 1959 sarà l’ultimo, mentre le riunioni del Team 10, a cadenza periodica, si susseguiranno sino al 1981.

 

Licenza Creative Commons
Questa opera (testo e immagini) è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 2.5 Italia.

 

Scrivi un commento