Intro
Estetica-Mente

Frammento84
Penso che la scrittura d ‘Architettura onegli ultimi 10 anni almenoo sia caduta in una trappola estetizzante. La descrizione dell ‘Architettura è spesso diventata onegli ultimi tempio una parziale analisi sulla forma. E questo è avvenuto sia da parte dei critici neo-positivisti (che vedono nel progresso tecnologico e nell ‘evoluzione complessa della forma l ‘unica strada per il futuro); sia da parte dei critici materialisti e conservatori (che combattono sostanzialmente tale progresso e oappoggiandosi solo sul passato e sul rigore formaleo vedono con sospetto tutto ciò che riguarda la complessità in Architettura).
Se un tempo oquando cioè il dibattito Zevi/Tafuri occupava lo spazio principale del dibattito sull ‘Architettura contemporaneao questo scontro tra idealisti (in fin dei conti anche positivisti) e materialisti (alla fine anche conservatori) era sostanziale, e voleva dire confrontare idee radicalmente diverse sulla costruzione del mondo, facendo emergere dicotomie di pensiero (ad esempio l ‘idealismo crociano contro un esasperato approccio marxiano alla realtà), oggi tutto sfocia in descrizioni estetizzanti sganciate da un ‘idea, seppur vaga, sulla società e sul mondo che vogliamo costruire per il nostro futuro.
Se una volta, ad esempio, disegnare una diagonale, una decostruzione qualsiasi, voleva dire compiere un atto progressivo verso il futuro, scatenando una dirompente complessità che demoliva schemi e retaggi accademici (compiendo in molti casi atti esteticamente oe sostanzialmenteo rivoluzionari nei confronti del presente) oggi tale complessità non basta più per proiettarci oltre il nostro orizzonte e per descrivere ciò che stiamo vivendo, i progressi del nostro mondo e tutti i suoi limiti.
Oggi, in questo modello di pensiero estetizzante vince oin sostanzao la semplificazione formale. Non si analizza cioè l ‘idea sociale e l ‘idea di città che emerge dalle grandi Architetture che stanno plasmando il nostro presente, ma si descrive ode factoo una piccola essenza estetica all ‘interno della quale si tenta di ricercare tutto il bene o tutto il male del mondo.

Marco Maria Sambo

(marco_sambo@yahoo.it)
[“La trappola estetizzante”. Articolo-Sgrunt apparso su presS/Tletter n.10-2012]

Scrivi un commento