Parte 3: 1918-1933 – Capitolo 2: Maturazione e crisi dei linguaggi: (1925-1933)

2.3 Razionalismo olandese

Nel 1925 Theo van Doesburg protesta con durezza contro la scelta di Staal, un esponente della Scuola di Amsterdam, come progettista del padiglione olandese all ‘Expo di Parigi. Rivendica il ruolo di De Stijl, ma in realtà, abbandonato da Oud, Mondrian e numerosi altri protagonisti del movimento, è ormai un cane sciolto.

 

J.Duiker e B. Bijvoet, Sanatorio Zonnestraal a Hilversum

 

Traboccante di risentimenti, scrive: Già da anni la cricca artistica olandese [*] ha riservato tutti i posti per il gruppo Wendingen. E, di Oud: Questi già da tempo si è convertito nei fatti allo stile Liberty-Wendingen (si veda l ‘edificazione a cottages Oud-Mathenesse a Rotterdam e la decorativa architettura di facciata del caffè De Unie).

La sua confessione [*] ‘Io sono per la retta, ma non vedo perche non andrebbe bene anche la curva ‘ [*] contiene 30% di paura, 33% di maniere borghesi, 2% di intelligenza, 5% di modernità. [*] Gli artisti De Stijl stessi già da anni non contano più Oud fra i loro colleghi.

 

In realtà Oud, se si esclude la caduta stilistica delle casette a tetto inclinato del quartiere Oud-Mathenesse (1922-23), è impegnato lungo una linea di realismo che porterà alle abitazioni operaie a Hoek van Holland, caratterizzate da forme severe, incernierate al centro da due terminali semicilindrici di notevole eleganza, che delimitano una corte semiesterna, attrezzata con negozi, che ne interrompe la monotonia tipologica; al nitido quartiere Kiefhoek a Rotterdam per file concentriche e parallele, un riuscito esempio di quartiere razionalista che riesce a inserirsi all ‘interno della città (1925-29); alle case minime sperimentali al Weissenhof (1927), di cui parleremo in un seguente paragrafo.

 


Quartiere Hoek van Holland, foto Diego Terna



Quartiere Kiefhoek, foto Diego Terna

 

Nel settembre del 1926 van Doesburg, tramite Arp, è coinvolto nel progetto di rinnovamento del cabaret, cinema e caffè Aubette a Strasburgo. I due vi lavorano insieme coinvolgendo anche la moglie di Arp, Sofie T├ñuber.

Il risultato è convincente ma, completato nel 1928, è datato: ci si sta muovendo, come dimostra anche la contemporanea ricerca dei maggiori protagonisti del Movimento Moderno, in altre direzioni, in cui il colore soggiace alla logica dell ‘architettura e non viceversa.

 

Il 1927 per van Doesburg è un anno di bilanci: li tenta con il numero dedicato al decennale del movimento. Oud, che interviene con una breve nota, sottolinea la distanza che ormai li separa: le prime case erano una tappa di sviluppo verso un ‘estetica chiara, semplice, severa e pura, ma ora sono diventate l ‘inizio di una architettura cubista che ha poco a che fare col cubismo dell ‘architettura.

Intervengono anche Kiesler, Rietveld, van Eesteren e numerosi altri, ma come capita con le celebrazioni, i ricordi appaiono tanto più piacevoli quanto più segnano la fine del periodo esaminato. Prova ne sia che dopo il numero del decennale saranno pubblicati da van Doesburg solo altri due fascicoli della rivista, nel 1928.

 

Deciso a trasferirsi definitivamente a Parigi, van Doesburg costruisce una casa a Meudon-val-Fleury (1927-1931). ├ê di disarmante semplicità e anche deludente. Con van Eesteren o che ha intrapreso altre strade: è a capo dell ‘urbanistica di Amsterdam ed è uno dei leader dei CIAM o prova a mettere a punto i principi De Stijl per l ‘urbanistica.

 

Nel 1930 lancia un ennesimo manifesto: è per l ‘Arte Concreta. Vuole trasformare la casa di Meudon in un centro artistico. Fa un giro di conferenze in Spagna. Soffre di asma. Muore improvvisamente per arresto cardiaco a Davos nel 1931.

Il gruppo, che si chiamerà Abstraction-Creation, realizzerà la sua prima pubblicazione l ‘anno successivo. Nel gennaio del 1932, la moglie Nelly dà alle stampe l ‘ultimo numero di De Stijl dedicato alla memoria di instancabile animatore.

 

Nel 1927 si costituisce ad Amsterdam il gruppo De8, formato da Benjamin Merkelbach, Johan hendrik Groenewegen, Charles Karsten, H.E. Pauwert e P.J. Vershunyl. Pauwert e Vershunyl si ritireranno e saranno sostituiti da Albert Boeken, Jan Gerk Wiebenga e da Duiker, quest ‘ultimo senz ‘altro il più dotato del gruppo.

De8, che è altrettanto distante da De Stijl e dalla scuola di Amsterdam, si affianca al gruppo funzionalista Opbouw di Rotterdam. Nel 1928, in occasione del primo CIAM, i due gruppi confluiscono in un unico movimento che nel 1932 pubblicherà la rivista De8 en Opbouw di cui Duiker sarà il direttore sino al 1935.

 

Sempre nel 1927 un nutrito gruppo di artisti, tra cui numerosi appartenuti a De Stijl, si raccolgono intorno alla neonata rivista di arti figurative, letteratura e politica 10. Tra i promotori Mondrian e Oud, che diventa il redattore per il settore architettura.

 

Collaborano anche Cornelis van Eesteren, Rietveld, Bart van der Leck, Vilmos Husz├ír, Georges Vantongerloo, Sybold Rayversten e Mart Stam. Il primo numero della rivista, che esce a gennaio, contiene un saggio di Mondrian dal titolo Neoplasticisme. Die Woning-De Straat-De Stad (Neoplasticismo. Casa-strada-città): è un ritorno all ‘ordine, un richiamo alla plastica pura. Nel quarto numero viene pubblicato il manifesto del gruppo De8, che ne sottolinea l ‘equidistanza dall ‘espressionismo e dalla mistica De Stijl.

 

Nel giugno 1928 Duiker inaugura la costruzione del sanatorio di Hilversum, al quale lavora dal 1925, all ‘inizio con il socio Bernard Bijvoet e, in seguito alla separazione tra i due, con l ‘ingegner Jan Gerk Wiebenga. Rispetto alla ricerca di Oud, volto a un sempre più rigido classicismo che presto lo porterà all ‘inaridimento della propria vena poetica, Duiker trova la strada per un razionalismo non insensibile alla lezione wrightiana che filtra, adattandola alla propria sensibilità costruttivista, senza inibizioni.

 

Aereo e leggero, per l ‘estensivo uso del vetro e l ‘esile struttura in cemento armato denunciata a vista, l ‘impianto ha un ‘organizzazione simmetrica, con due braccia, rappresentate dai padiglioni, che si aprono verso la natura circostante. A questa rigida geometria corrisponde la trovata di un accesso dissimmetrico, che impedisce la lettura immediata di uno schema così rigoroso.

Ponti, sbalzi, volumi circolari conferiscono all ‘edificio un alone metafisico che spicca rispetto alla rigogliosa natura circostante. Senza dubbio la migliore opera prodotta in Olanda nel periodo.

 

Nel 1930 Duiker si ripeterà con la scuola all ‘aria aperta in Cliostraat ad Amsterdam. L ‘oggetto, di una disarmante eleganza, è simmetrico lungo la diagonale per esaltarne il valore d ‘angolo. Lo spigolo, che si percepisce sin dall ‘ingresso del complesso, per evitare ogni monumentalismo è svuotato dalle terrazze e si percepisce come una sovrapposizione di piani aggettanti.

 

Tra i protagonisti dell ‘architettura olandese vi e’ infine Willem Marinus Dudok. Folgorato da Wright, influenzato da Berlage e, in certa misura, dalla scomposizione De Stijl, realizza numerosi edifici a Hilversum, la città di cui diventa l ‘architetto comunale dal 1927. Tra le sue opere: le scuole Nassau (1927-29) e Vondel (1927-29).

 

La realizzazione migliore è il municipio di Hilversum (1923-1931). Dimostra che è possibile progettare un ‘architettura autenticamente moderna che duri, che abbia carattere monumentale e allo stesso tempo sia apprezzata da una società democratica, che dialoghi con lo spazio circostante e con l ‘edilizia storica, che si caratterizzi per spazi ampi e fluidi interconnessi, che giochi sul dettaglio senza cadere nel decorativismo.

Sede comunale Hilversum, foto Diego Terna

 

Ma proprio per essere così razionale e, insieme, dentro e fuori dal proprio tempo, pur ricevendo unanimi apprezzamenti da tutti o Piacentini, per esempio, lo cita positivamente in Architettura oggi del 1930 o alla fine Dudok non appassiona. Non coinvolge i tradizionalisti, che lo vedono moderno.

 

Non infiamma gli sperimentatori, che lo vedono legato a un linguaggio dei primi del novecento. La strada che prenderà l ‘architettura contemporanea sarà altra.

 

 

Licenza Creative Commons
Questa opera (testo e immagini) è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 2.5 Italia.

Scrivi un commento