Parte 3: 1918-1933 – Capitolo 1: Commistione dei linguaggi (1918-1925)

1.6 Bauhaus: atto primo

Nell ‘aprile del 1919 Gropius è nominato direttore della Staatliches Bauhaus, una scuola che assorbe la Kunstgewerberschule precedentemente diretta van de Velde, facendola confluire, insieme all ‘Accademia di Belle Arti, in un unico istituto.

 

Johannes Itten

Il programma del Bauhaus è in linea con la cultura del Werkbund di cui Gropius è uno degli esponenti di spicco: formare artisti e artigiani per costruire la casa del futuro. E in linea con i programmi dell ‘Arbeitsrat f├╝r Kunst cui abbiamo accennato. Apertura, quindi, alle nuove tecnologie, ma senza dimenticare il fine di una società in cui l ‘uomo trova realizzazione prima nel fare e poi nel fruire dei propri prodotti.

 

Vi è nella nuova scuola una certa tensione espressionista, ben rappresentata dall ‘aguzzo e solare disegno di Lyonel Feininger che Gropius sceglie come copertina del programma e dalla scelta dei primi tre professori chiamati: sono, oltre a Feininger, il pittore Johannes Itten e lo scultore Gerhard Marcks. Nel 1920 saranno coinvolti Georg Muche, Paul Klee e Oskar Schlemmer. Poi Lothar Schreyer e nel 1922 Vasilij Kandinskij.

 

La figura più rappresentativa è Johannes Itten, un personaggio carismatico che pratica il mazdaznaniesimo, una disciplina mistico-filosofica a carattere teosofico che in quegli anni ha una certa diffusione in Germania.

Itten veste all ‘orientale, mangia cibi particolari e prima delle lezioni fa fare esercizi di concentrazione e di respirazione. Il metodo consiste in un alternarsi di fasi intuitive e riflessive. Nelle prime stimola gli alunni a trovare un senso e una logica artistica alle cose: per esempio componendo scarti, frammenti e oggetti presi dalla realtà di tutti i giorni. Nella seconda insiste sullo studio dei contrasti (ruvido-liscio, chiaro-scuro, appuntito-ottuso, alto-bassoÔǪ), sulla teoria della forma a partire dalle geometrie primarie del cerchio, del quadrato e del triangolo e sullo studio dei colori.

├ê sua l ‘invenzione del corso propedeutico, o Vorkurs, di sei mesi, in cui tutti gli alunni, a prescindere dalla successiva specializzazione in uno dei laboratori artigianali, acquisiscono un metodo comune consistente in una introduzione alla scienza della forma e del colore.

 

L ‘insegnamento è rafforzato da lezioni di teoria dell ‘armonizzazione musicale di Getrud Grunow. Racconta un testimone: Si chiudono gli occhi, poi è la volta di una breve pausa di concentrazione seguita dall ‘invito a immaginarsi una precisa sfera colorata dentro cui introdurre le mani per poter così tastare e frugare.

Poi viene richiesto di concentrarsi su un suono particolare intonato dal pianoforte. In breve quasi tutti i presenti sono in movimento anche se i modi variano a seconda della persona. [*]Se noi andiamo alla ricerca di nuove forme, queste devono rinascere in noi provenendo dalla totalità delle nostre esperienze, dal solo senso di natura e spirito. Dunque la strada è questa: dall ‘irrazionalità alla crescente razionalità.

 

Sebbene tutti i laboratori artigianali attivati concorrano a un ‘ideale costruzione, il Bauhaus tarderà sino al 1927 ad avere un corso istituzionale di architettura. Prima saranno attivate alcune iniziative tra cui, nel maggio del 1920, una sezione di architettura guidata dal socio di Gropius, Adolf Meyer. Ma avranno vita breve.

 

Nel 1920 l ‘industriale Sommerfeld dà a Gropius l ‘incarico privato di costruire una casa unifamiliare in legno. Alla realizzazione collaborano studenti della scuola. Joost Schmidt realizza la balaustra della scala, Marcel Breuer alcuni mobili, Josef Albers le vetrate. Il risultato è a malapena soddisfacente. La Sommerfeld ricorda le case Prairie, ma è caricata di tensione espressionista e, insieme, inibita da una volontà d ‘ordine classicista di ascendenza behrensiana.

D ‘altronde, due anime convivono nella scuola e con sempre più difficoltà riescono a trovare una mediazione: Prevale, come nota Schlemmer nel 1921, o il mito dell ‘India o l ‘americanismo.

 

├ê proprio nel 1921 che si levano i primi venti di fronda. Obiettivo: ridimensionare l ‘appiattimento sulla dimensione artigianale, far nascere una moderna consapevolezza industriale, criticare gli aspetti mistici della didattica di Itten, evitare le derive romantiche. Il momento storico o come abbiamo visto parlando della nuova oggettività e dei movimenti che, a partire dalla fine della guerra, perseguono un maggiore rigore figurativo o è maturo.

A far esplodere il conflitto è van Doesburg, il quale, dopo una visita nel dicembre del 1920, decide di trasferirsi a Weimar a partire dall ‘anno successivo, forse con la speranza di avere un posto di professore nella scuola. Lo scontro, prima con Itten e poi con Gropius, che cerca di difendere l ‘istituto dalla prepotente anche se generosa ingerenza dell ‘olandese, sarà inevitabile.

Condurrà alla creazione di un controcorso, che si svolge nel suo studio, lo Stijl-Kursus, diviso in due parti, una teorica e una pratica. Vi partecipano una quindicina di allievi. Basterà per dividere il Bauhaus in due schieramenti che arrivano anche allo scontro fisico.

 

Gropius accusa van Doesburg di attentare all ‘integrità della scuola. I risultati della contestazione saranno però benefici. Un approccio più oggettivo, meno mistico e in linea con i tempi si farà strada a Weimar, provocando anche radicali cambiamenti nelle ricerche dei singoli docenti. Breuer, per esempio, rivoluzionerà il suo stile, sino all ‘invenzione delle sue magnifiche poltrone, quali la Vassilij, inconcepibili senza l ‘influsso neoplastico.

Il 1922 è un anno di svolta. Gropius capisce che occorre muoversi più decisamente verso l ‘industria abbandonando l ‘ideologia del pezzo unico, fondare una società per sfruttare i brevetti e i prodotti del Bauhaus, coinvolgere la scuola con commesse che possono derivare anche dalla propria attività professionale.

Quando incarica la scuola della fornitura delle sedie del teatro comunale di Jena, che lui e Adolf Meyer hanno ampliato e rinnovato, Itten protesta e nell ‘aprile del 1923 rassegna le dimissioni. Gropius chiama a sostituirlo il ventottenne costruttivista L├ízl├│ Moholy-Nagy.

 

Tra agosto e settembre si svolge la prima grande mostra del Bauhaus, voluta anche dalla municipalità per verificare il lavoro sinora svolto. Sono anni di gravissima crisi economica, con l ‘inflazione alle stelle. Gropius riesce ad approntare in pochi mesi un prototipo abitativo, Am Horn, progettato su un ‘idea di Georg Muche, a seguito di un concorso interno.

├ê una casa semplice ma goffa nella distribuzione, che si sviluppa forzatamente a partire da un vano centrale. Le linee denunciano una ricerca orientata non più verso l ‘espressionismo, come la Sommerfeld, ma verso il razionalismo.

 

Osserva acutamente il critico Adolf Behne: La mostra soffre, io credo, perche ha luogo in un momento nel quale il Bauhaus sta cambiando. La nuova attitudine verso un rapporto con la tecnologia, e cioè la standardizzazione, comincia a vedersi ma ancora non ha assunto consistenza. [*] La casa Am Horn si muove tra tutte queste difficoltà.

 

Con le celebrazioni si mette in scena anche il Balletto triadico di Schlemmer, con costumi che fanno pensare a marionette meccaniche, una sorta di costruttivismo applicato alla danza. Infine, una mostra di opere di architettura contemporanea, con lavori di Walter Gropius, le Corbusier, Robert Mallet-Stevens, Frank Lloyd Wright, Jacobus Johannes Oud, Willem Dudok, Jans Wils, Bruno Taut, Hans Scharoun, Adolf Rading, Erich Mendelsohn, Erwin Gutkind e Hugo H├ñring, curata da Gropius, alla quale due anni dopo seguirà un libro dal titolo Internationale Architektur. Sarà pubblicato dalla Bauhaus-Verlag M├╝nchen-Berlin, la casa editrice che Gropius fonda nel 1923 (e il cui logo viene disegnato da L├ízl├│ Moholy-Nagy) con l ‘obiettivo di diffondere le nuove idee artistiche.

 

Da ottobre L├ízl├│ Moholy-Nagy assume la responsabilità del corso preliminare che si allunga a un anno, coinvolgendo più direttamente Klee e Kandinskij nell ‘insegnamento della teoria della forma. Gli studenti sono invitati a realizzare sculture costruttiviste con materiali diversi. L├ízl├│ svolge le sue lezioni in tuta da lavoro rossa, non con il camice orientaleggiante disegnato da Itten. Per gli studenti è un messaggio eloquente: il Bauhaus ha cambiato rotta.

 

Scrivi un commento