Parte 2: 1905-1918 – Capitolo 2: Industria e ornamento

2.5 Wright in Europa

Quando Wright nel 1909, a quantadue anni, decide di abbandonare la moglie e i sei figli e di fuggire in Europa con la moglie di un cliente, Mamah Borthwick Cheney, è già un caposcuola: ha lavorato per il più importante studio di Chicago, è stato un promotore del movimento Arts and Crafts negli USA, ha realizzato oltre cento abitazioni, edifici commerciali e una chiesa, scrive per le riviste e ha una propria e originale filosofia architettonica.

È naturale, quindi, che voglia diffondere nel Vecchio Continente il proprio credo,organizzando una mostra e stampando alcune pubblicazioni sul proprio lavoro.

 

Frank Ll Wright, Taliesin East

Prima del 1909, Wright non era mai stato in Europa, anche se ne conosceva stili e tendenze attraverso le riviste che arrivavano da Adler e Sullivan, quali la diffusissima The Studio, che già nel 1906 aveva dedicato un numero alla Secessione. Il suo principale e amico Sullivan, per quanto cercasse di rinnegarla, era imbevuto di cultura europea, avendo studiato in Francia.

Sempre in Francia aveva studiato Richardson, ideale maestro di entrambi. I soggiorni in Europa erano da tempo un imperativo per gli apprendisti architetti americani desiderosi di affermarsi nel mondo della professione. Sembra che un viaggio di studio fosse stato offerto al giovane Wright da Daniel Hudson Burnham, autore con Root di alcuni dei più importanti grattacieli di Chicago quali il Reliance e il Monadnock Building.

Ma Wright o a giudicare dal suo stesso racconto, il quale però, al pari di tutti i suoi altri, è da prendere con beneficio d ‘inventario o avrebbe rifiutato per non farsi corrompere dal classicismo ivi imperante.

Adler e Burnham, entrambi nati in Germania, facevano inoltre parte della numerosa comunità tedesca di Chicago e quindi erano in contatto con quanto là avveniva. Wright, da parte sua, era andato all ‘esposizione internazionale di St. Louis del 1904, dove aveva potuto ammirare i lavori di Olbrich e di Behrens, rimanendo in particolare colpito dal primo.

Sui rapporti con il movimento Arts and Crafts abbiamo detto; in particolare, ricordiamo che Ashbee si era recato nel 1900 a Chicago, dove aveva fraternizzato con Wright ricambiandogli, prima di partire, l ‘invito.

 

Wright lascia Chicago a settembre. Prima tappa: Berlino. Il 24 novembre firma il contratto con l ‘editore Wasmuth per la pubblicazione della sua opera in due volumi: la Sonderheft più economica e un Portfolio per gli intenditori.

L ‘operazione è in gran parte autofinanziata dall ‘architetto americano stesso.

Negli stessi giorni, probabilmente, Wright prepara una mostra di opere ma, come e’ stato notato, non rimanendone tracce, l ‘evento non è si è mai concretizzato o, in ogni caso, è stato meno importante di ciò che la tradizione storiografica architettonica ha voluto credere.

 

Berlino è in quegli anni uno dei principali centri della nuova architettura, Behrens l ‘architetto più coinvolto nella sperimentazione. Wright sembra non accorgersene.

├ê affascinato invece dal genio di Olbrich, a lui certo più vicino per affinità stilistica. Lo è per più ragioni: è un suo coetaneo morto tragicamente in giovane età e quindi non più in grado di fargli ombra; è alieno da ogni rigorismo storicista; ha una visone sacrale dell ‘architettura e una concezione romantica dell ‘architetto, visto come artigiano e, insieme, razionalizzatore di forme.

Non può quindi che interessarlo infinitamente di più di Behrens, il quale avrà invece una fortissima influenza su quei progettisti che, come Mies o le Corbusier, saranno da lui indirizzati in direzione classicista e orientati verso forme più austere e algide.

 

Dopo Berlino Wright si reca a Parigi, poi a Firenze, di nuovo a Parigi e infine a Fiesole, dove affitta un villino con l ‘obiettivo di preparare, aiutato dal figlio che lo raggiunge da Chicago, i disegni per la pubblicazione Wasmuth.

Seguono altre tappe: a Berlino e a Vienna. Vienna vive in quegli anni, come abbiamo visto, un momento febbrile. Il Ring, su cui ormai sfrecciano le automobili, è completato.

Loos ha realizzato il Cafe Nihilismus (1898-99), l ‘American Bar (1907) e sta lavorando all ‘edificio sulla Michaelerplatz (1909-1911). Le opere di Wagner ornano la città in punti strategici: dalle famose stazioni per la metropolitana alla celeberrima sede della banca postale, completata nel 1906, anche se ripresa tra il 1910 e il 1912, sino alla chiesa di St. Leopold am Steinhof (1902-1907).

American Bar, foto Chiara Quinzii

 

E poi l ‘edificio della Secessione di Olbrich del 1898. A Vienna, durante il soggiorno di Wright, si apre una mostra di quadri di Schànberg, straordinario musicista inventore della musica dodecafonica, ma anche pittore espressionista di talento. Negli stessi giorni , sempre a Vienna, che grazie a Freud ne è la capitale, è fondata l ‘unione internazionale di Psicoanalisi.

 

Probabilmente Wright vive di sfuggita tali eventi. Sicuramente apprezza il lavoro di Klimt, con la cui esuberanza decorativa si trova in sintonia, e ha contatti con Hoffmann, il fondatore delle Wiener Werkst├ñtten, di cui ammira l ‘edificio della Kunstschau (1896-1908), e con Wagner, il cui libro sull ‘architettura moderna, lo ricordiamo, era stato tradotto negli Stati Uniti già nel 1901.

Wright, tre anni dopo, consiglia al figlio John, che vuole studiare a Vienna, di mettersi in contatto con lui. Da parte sua, il viennese presenta già dal 1911 ai suoi alunni il lavoro dell ‘americano in termini entusiasti.

 

Nel settembre del 1910 nuova tappa a Berlino e, poi, viaggio in Inghilterra, dove incontra Ashbee, cui affida l ‘introduzione alla Sonderheft. Ashbee evidenzia i debiti verso la cultura giapponese. Wright s ‘indispettisce non poco, tanto che, se lascerà inalterata la versione tedesca, ritoccherà quella inglese, togliendo le frasi da lui giudicate poco veritiere.

 

La pubblicazione dei due volumi va per le lunghe. Alla fine, della Sonderheft quattromila copie circa sono distribuite in Europa, circa cinquemila arriveranno a Chicago alla fine del 1912. Del Portfolio sono stampate un migliaio di copie, di cui un centinaio distribuite in Europa. Il successo sarà molto minore di quello attribuito dalla mitologia wrightiana, fomentata dallo stesso architetto, ma basterà a sollevare, soprattutto da parte degli osservatori più attenti, e tra questi vi è Berlage in Olanda, il caso Wright in Europa.

 

Licenza Creative Commons
Questa opera (testo e immagini) è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 2.5 Italia.

Scrivi un commento