Parte 2: 1905-1918 – Capitolo 2: Industria e ornamento

2.1 Ornamento e’ delitto

Non tutti gli artisti che incontreremo vivono esistenze dissolute e sembrano essere assillati dall ‘imperativo di epater le bourgeois, scandalizzare a qualunque costo la ricca e incolta borghesia.

Certo è che anche nei più morigerati esplode il desiderio di vivere un ‘esistenza autentica, non ipotecata da usi e convenzioni accettate acriticamente: consapevoli che la società si aspetta dall ‘artista un atteggiamento controcorrente, delegandogli il ruolo di coscienza critica, di grillo parlante.

 

A. Loos, edificio Goldman & Salatsch a Vienna

Alcuni, quali Frank Ll. Wright, lo gestiranno con straordinaria consapevolezza mediatica e trasformeranno eventi, anche scabrosi, quali la fuga dalla famiglia, l ‘omicidio da parte di uno squilibrato dell ‘amante e dei figli di questa, la bancarotta o la prigione in motivi d ‘interesse e pubblicità.

Louis Sullivan, Charles Rennie Mackintosh, Adolf Loos, per citarne altri tre, vivranno drammaticamente l ‘indifferenza di una società sempre in ritardo nel valutare le ragioni dell ‘architettura, consumandosi chi nell ‘alcol, chi nello sconforto.

Da qui il tono spesso amareggiato, a volte acido, a tratti ironico dei testi scritti da Loos, soprattutto nel periodo tra il 1908 e il 1910, o riscontrabile in The Autobiography of an Idea, scritta da Sullivan negli ultimi anni della sua vita, conclusa nel 1924.

 

Se in questo periodo si scopre il potere della comunicazione e il fascino di un certo divismo, siamo però lontani dall ‘amoralità mediatica dello star system contemporaneo. Nonostante architetti e artisti cerchino l ‘attenzione del pubblico con un diluvio di scritti, manifesti e trovate spettacolari, alla fine si tratta sempre di tecniche strumentali a veicolare l ‘attenzione su programmi titanici, su coinvolgenti utopie, su concezioni demiurgiche tese a riscattare il mondo, dando finalmente senso alla produzione industriale.

Quando, più tardi, Le Corbusier sintetizzerà il programma nello slogan Architettura o rivoluzione, metterà in evidenza questo esaltante guazzabuglio di concetti e aspirazioni in perenne tensione, in cui forma e ragione, architettura e morale sono intercambiabili.

 

├ê dal tentativo di risolvere queste contraddizioni tra concetti afferenti ai mondi diversi delle forme, dell ‘economia, dell ‘etica che nasce l ‘architettura moderna. Il cui dibattito è senza dubbio introdotto dalla querelle sulla funzione e sull ‘ornamento, che vedrà impegnati europei e americani a cavallo del nuovo secolo.

Da un lato, vi saranno coloro che, sulla scia dello slogan coniato da Adolf Loos, ornamento è delitto, tenteranno di ridimensionare l ‘esuberanza immotivatamente creativa; dall ‘altro chi, facendosi forte dell ‘imperativo, molto meno funzionalista di quel che appare, form follows function, proposto da Louis Sullivan e fatto proprio da Frank Lloyd Wright, cercheranno di introdurre fantasia e complessità all ‘interno del processo, togliendo però alla decorazione ogni carattere posticcio, estrinseco alla forma dell ‘oggetto.

 

In realtà, al di là degli slogan, le concrete risposte date dagli architetti non sono univoche e definitive. Adolf Loos, considerato il caposcuola del partito rigorista, userà ampiamente partiti decorativi, ammettendoli se confortati dall ‘uso, dalla razionalità costruttiva, dal materiale o semplicemente dal suo gusto classicista.

Dal canto loro, Louis Sullivan e Frank Lloyd Wright, considerati eccentrici e liberi creatori, inventeranno sistemi di prefabbricazione fondati sulla ripetizione di moduli base di mattonelle decorative o blocchetti di cemento che precorrono moderni processi di industrializzazione della produzione, ottenendo già negli anni dieci e venti risultati certo più interessanti di quelli ottenuti dai rigoristi, i quali spesso si limitano a eliminare decorazioni e semplificare le geometrie, ma senza intaccare i processi costruttivi.

E d ‘altronde, che le cose siano più complesse di quel che sembra, è dimostrato dal fatto che Loos, a un certo punto della sua vita, penserà di invitare a Parigi Sullivan, ormai giunto a un passo dalla tragica fine, per farlo insegnare con lui in una scuola di architettura che sta tentando di mettere in piedi, anche per risolvere i non pochi problemi economici che perseguitano entrambi.

Scrivi un commento