Parte 2: 1905-1918 – Capitolo 1: Avanguardie

1.9 Il Futurismo

Marinetti propone il futurismo all ‘attenzione mondiale con un manifesto apparso su Le Figaro, del 20 febbraio 1909. La scelta è una chiara presa di distanza da Roma e un riconoscimento di Parigi come capitale dell ‘arte internazionale.

D ‘altronde a Roma nello stesso anno sono ancora in corso i lavori del monumento nazionale a Vittorio Emanuele II, una torta nuziale pseudostoricista progettata dall ‘accademico Giuseppe Sacconi e inaugurata solo nel 1911 dopo ventisei anni di gestazione.

 

In questo contesto, il futurismo, pur con tutta la sua rumorosa spavalderia, rappresenta una possibilità di cambiamento e di reimmissione dell ‘arte italiana, altrimenti irrimediabilmente carducciana e pascoliana, nell ‘alveo della cultura europea.

Il programma enunciato nel manifesto concerne la letteratura. Ne seguiranno numerosi altri. Sono redatti dallo stesso Marinetti, da Boccioni, Carrà, Russolo, Balla, Severini, Depero e da altri intellettuali che confluiscono nel movimento. Nell ‘agosto del 1909, per esempio, esce Uccidiamo il chiaro di luna!, nel febbraio del 1910 il Manifesto dei pittori futuristi, nell ‘aprile del 1910 La pittura futurista. Manifesto tecnico, nel gennaio del 1911 il Manifesto dei Drammaturghi futuristi, nell ‘aprile del 1912 il Manifesto tecnico della scultura futurista, nel maggio del 1912 il Manifesto tecnico della letteratura futurista,nel maggio 1915 Scenografia e coreografia futurista, nello stesso anno Ricostruzione futurista dell ‘universo, nel novembre del 1916 La cinematografia futurista. Accanto a questi, numerosi altri: coprono quasi ogni aspetto dell ‘attività umana, cucina compresa. Arte e vita sembrano coincidere in tutti i loro aspetti.

Per Marinetti, come si vede già nel Manifesto del 1909, il contesto in cui si colloca il discorso futurista è metropolitano. Noi, sostiene, canteremo il fervore notturno degli arsenali e dei cantieri incendiati da violente lune elettriche, le officine appese alle nuvole, i ponti simili a ginnasti giganti. E negli anni dal 1910 al 1912, mentre Kandinskij inventa a Monaco l ‘astrattismo e i cubisti sono al lavoro a Parigi, gli artisti futuristi, e in particolare i due più dotati o Boccioni e Balla o, descrivono la nuova città, fatta di luci, movimento, tensioni dinamiche. Prefigurando una grammatica formale che avrà non poche conseguenze sul nuovo spazio architettonico. Dinamismo, mutazione, leggerezza, interesse per le reti di comunicazione, spinta verticale, nuovi materiali, linee-forza, cromatismo sono temi che si trasferiranno dai quadri e dai progetti futuristi ai carnet dei giovani architetti europei, attraverso strade non sempre dirette, ma che la critica contemporanea sta cercando di ricostruire.

Gli artisti futuristi intessono con i cubisti rapporti d ‘amore-odio. Lo sbarco ufficiale in Francia è del 1912 per la mostra parigina alla Galerie Bernheim Jeune. Inoltre, contatti si registrano sia prima sia dopo l ‘evento. I futuristi rimproverano ai cubisti la tendenza alla staticità e un eccessivo formalismo, la mancanza di emotività, l ‘incapacità di intrattenere un rapporto pulsante con l ‘ambiente. E li accusano di plagio con un articolo dal titolo ingiurioso, I Futuristi plagiati in Francia, perche i francesi introducono elementi dinamici e linee forza nelle composizioni. Viceversa, gli italiani sono tacciati di provincialismo e di giacere succubi della retorica vitalista. Eppure, i futuristi eserciteranno un notevole influsso su Apollinaire, su Delaunay, Leger, gli orfisti, le avanguardie russe.

Il reciproco gioco delle influenze è palese. Tanto che già nel 1913 Boccioni a Parigi, insieme a Guillaume Apollinaire, lancia la proposta di un fronte delle avanguardie in cui avrebbero dovuto convergere futuristi, cubisti ed espressionisti. Vincono però, come sempre, le gelosie.

Dai pittori futuristi arriveranno idee e proposte alcune delle quali a tutt ‘oggi appaiono anticipatrici. Afferma Carlo Carrà: Noi pensiamo [*] a una architettura simile all ‘architettura dinamica musicale resa dal musicista futurista Pratella. Architettura in movimento delle nuvole, dei fumi nel vento, e delle costruzioni metalliche quando sono sentite in uno stato d ‘animo violento e caotico. Prampolini nel 1914 sostiene: L ‘architettura futurista deve avere una genesi atmosferica, perche rispecchia la vita intensa di moto, luce, aria di cui l ‘uomo futurista è nutrito. Boccioni, sempre nel 1914, in un manifesto architettonico futurista rimasto all ‘epoca inedito: Noi viviamo in una spirale di forze architettoniche. Fino a ieri la costruzione volgeva in senso panoramico successivo. A una casa succedeva una casa, a una via un ‘altra via. Oggi cominciamo a avere intorno a noi un ambiente architettonico che si sviluppa in tutti i sensi: dai luminosi sotterranei dei grandi magazzini ai diversi piani di tunnel delle ferrovie metropolitane alla salita gigantesca dei grattanuvole americani.

Il manifesto L ‘architettura futurista, stilato da Antonio Sant ‘Elia, è pubblicato il 1┬░ agosto del 1914 su Lacerba, la rivista che affianca il movimento. Sono parole anticipatrici, se consideriamo che ancora nel 1914 l ‘Europa è incapace o come mostra l ‘esposizione del Werkbund di Colonia o di declinare con sicurezza un nuovo lessico architettonico: Gli ascensori non debbono rincanttucciarsi come vermi solitari nei vani delle scale; ma le scale, divenute inutili, devono essere abolite e gli ascensori devono inerpicarsi, come serpenti di ferro e di vetro, lungo le facciate. La casa di cemento, di vetro, di ferro senza pittura e senza scultura, ricca soltanto della bellezza congenita alle sue linee e ai suoi rilievi, straordinariamente brutta nella sua meccanica semplicità, alta e larga quanto più è necessario, e non quanto è prescritto dalla legge municipale, deve sorgere sull ‘orlo di un abisso tumultuante: la strada la quale non si stenderà più come un soppedaneo al livello delle portinerie, ma si sprofonderà nella terra per parecchi piani, che accoglieranno il traffico metropolitano e saranno congiunte, per i transiti necessari, da passerelle metalliche e da velocissimi tapis roulants.

Nel 1916 l ‘architetto comasco troverà la morte nella Grande Guerra, cui aveva aderito entusiasticamente. Morirà anche Boccioni, l ‘altro genio del movimento. Dell ‘opera di Sant ‘Elia, così fugace, rimangono solo disegni e progetti per inventare e rifabbricare la città futurista simile a un immenso cantiere tumultuante e la casa futurista simile a una macchina gigantesca. Si tratta di prodotti stupefacenti, se consideriamo la giovane età dell ‘architetto, che nel 1914 ha appena ventisei anni e quando muore ventotto, ma non pochi temi e spunti sono ancora acerbi; così, nei disegni compaiono, insieme a notevoli anticipazioni, anche residui della cultura simbolista e decadente del periodo. Troppo poco per dare vita a un ‘architettura futurista, anche in considerazione della non gigantesca statura degli altri progettisti che si riconoscono nel programma: Mario Chiattone, Virgilio Marchi, Fortunato Depero ed Enrico Prampolini.

Sant ‘Elia e Chiattone saranno però studiati e analizzati dai protagonisti del Movimento Moderno, per esempio sulle colonne della rivista De Stijl da Robert van ‘t Hoff e da Jacobus Johannes Pieter Oud nel 1919; da Ludwig Hilberseimer e da Adolf Behne.

Ritorniamo all ‘idea di Boccioni e di Apollinaire del 1913 di un fronte comune delle avanguardie. Sarebbe stata una mossa risolutiva. Con il passare degli anni, nonostante il reiterarsi di incontri organizzati in vari paesi d ‘Europa, si finirà, invece, con l ‘alzare steccati tra i vari movimenti. A farlo saranno gli stessi protagonisti per rivendicare primati storici e originalità creativa. E a tal fine non esitano a fornire racconti inventati o imprecisi e a retrodatare opere ed eventi. Eppure, a guardarla senza preconcetti, la situazione artistica di questi anni appare magmatica, felicemente confusa, aperta alle mutazioni. Neanche la guerra, con il suo potere devastante, riuscirà a livellarla. Anzi, come vedremo, sarà proprio durante gli eventi bellici che alcune delle ipotesi artistiche più interessanti e trasversali troveranno una loro maturazione.

Scrivi un commento