Parte 2: 1905-1918 – Capitolo 1: Avanguardie

1.7 Sottosopra

Per quanto si cerchi di dare forma all ‘informe, nel momento in cui si scontrano le ragioni dell ‘arte e della ricerca scientifica, esplode incomprimibile l ‘irrazionale.

I lati oscuri dell ‘io, le assurdità e le contraddizioni, non sono più visti come incidenti della ragione da eliminare a ogni costo, ma come fattori costitutivi della conoscenza, attraverso i quali meglio comprendere la realtà umana.

Da qui l ‘interesse, da un lato, per l ‘umorismo e, dall ‘altro, per l ‘indicibile. L ‘umorismo, in quanto gioco di contraddizioni, evidenzia l ‘inadeguatezza di una concezione meccanica della vita, le antinomie della ragione, la presenza dell ‘assurdo. Sull ‘umorismo scriveranno, in questi anni,tra gli altri, Henri Bergson (1900), Sigmund Freud (1905) e Luigi Pirandello (1908).

 

F. Nietzsche

Umorismo, provocazioni ed eccentricità saranno anche chiavi per scardinare l ‘insopportabile serietà ottocentesca, per scavalcare il mondo vittoriano, per farsi beffe del perbenismo, anche quello degli stessi artisti d ‘avanguardia.

Nel 1896 viene pubblicata una commedia di Alfred Jarry, Ubu Roi, un ‘opera in quattro atti di violento e paradossale umorismo. La sera della prima, l ’11 dicembre 1906, si scatena il finimondo. Della rappresentazione, che sarà riesumata solo alla sua morte nel 1907, si riesce a fare una sola replica. Lo scandalo, però, è sufficiente a rendere famoso Jarry, allora ventitreenne.

 

Il quale, da quel momento, decide di vivere come se lui stesso fosse il protagonista delle sue opere inventando la patafisica, cioè di una sedicente scienza che governa le eccezioni piuttosto che le regolarità.

Se Jarry, nella dialettica tra genio e sregolatezza, oltrepassa certo il confine del buon senso, non è tuttavia figura isolata. Le comunità di artisti che abitano a Montmartre a Parigi e a Bloomsbury a Londra vivono nella trasgressione.

Personaggi quali Gertrude Stein, che professa apertamente la sua omosessualità mentre colleziona opere d ‘avanguardia e produce scritti cubisti; Leo Stein, che consiglia all ‘amatissima Nina come comportarsi con l ‘amante; Walter Gropius, che sopporta stoicamente l ‘esuberanza di Alma Schindler Mahler; o Virginia Woolf, che pensa di sposare Lytton Strachey, dichiaratamente omosessuale, il quale poi però decide di triangolare la propria esistenza con la pittrice Dora Carrington e Ralph Partridge, sono difficilmente comprensibili all ‘infuori della tensione distruttiva e rigeneratrice di quegli anni.

 

Del resto, viennesi e tedeschi non sono da meno: basti pensare alle perverse immagini di fanciulle rappresentate da Egon Schiele, all ‘atelier di Ernst Ludwig Kirchner, concepito come spazio di libero esercizio della sessualità, a L ‘immoralista di Andre Gide del 1902, agli ambigui protagonisti di I turbamenti del giovane Tàrless del 1906, a L ‘uomo senza qualità di Robert Musil, alla amorale Berlino di pietra raccontata da Stefan Zweig oppure alla Vienna amata e derisa da Karl Kraus e analizzata da Sigmund Freud.

 

├ê presto per vedere questa dimensione controcorrente, beffarda e insieme disperata e paradossale in architettura. Tuttavia, è proprio in questi anni che si costruiscono i presupposti per un nuovo modo di vivere e di abitare.

Comportano l ‘abbandono della seriosità, la critica al perbenismo, il rifiuto della retorica ottocentesca, la ricerca di una vita semplice e senza troppe sovrastrutture, la denuncia della polverosa abitazione mausoleo, l ‘apparire o per dirla con le parole di una recente mostra al MoMA o della unprivate house, il perseguimento di una nuova e più autentica dimensione sociale dello spazio pubblico.

 

Non è un caso che in questi anni si rimettano in discussione geografie degli spazi dell ‘abitare e del comunicare e i ruoli delle persone, e che la gran parte degli artisti si senta impegnata politicamente.

Donne comprese: la Woolf, per esempio, è legata al movimento delle suffraggette, che porterà al diritto di voto. L ‘amante di Wright, Mamah Cheney, è in contatto con la femminista svedese Ellen Key, di cui tradurrà gli scritti.

 

Il mondo è sottosopra. Così come aveva previsto Nietzsche, morto proprio allo scoccare del nuovo secolo e diventato, ancora prima che il nazismo lo eleggesse a suo vate attraverso un ‘ingenerosa lettura fomentata dall ‘abile ma ideologicamente ottusa sorella del filosofo, oggetto di culto della personalità.

Sulle pagine di Così parlò Zarathustra si forma la gioventù del secolo: architetti compresi. Mies van der Rohe, Le Corbusier, Walter Gropius rimangono fortemente influenzati dalla prosa retorica e sincopata dello scrittore. Henri van de Velde, nell ‘autobiografia, parla del pellegrinaggio a Weimar che lo porterà a ristrutturare parte della casa-tempio dell ‘intellettuale che faceva filosofia con il martello.

 

Dalla filosofia Nietzsche deriva la visione tragica di un mondo privato di Dio, ma anche un bisogno liberatorio di gioco, d ‘ironia e un invito ad accettare, formandolo e non subendolo, il proprio destino.

A un secolo che, grazie alla serietà della scienza e della tecnica, celebra i suoi trionfi, gli artisti rispondono con il piacere del tempo perso, delle interminabili riunioni nei caffè, dell ‘elogio dell ‘improduttività e del divertimento, ovvero con l ‘esaltazione dell ‘azione, riversando sul piano della prassi una morale trovata ed esercitata sul versante delle arti.

 

├ê un ‘attitudine estetizzante che indurrà troppi giovani a cercare la bella morte nelle orribili mattanze della prima guerra meccanica, ma anche a un approccio disincantato e antiborghese della vita, Scandalizzare, essere eccentrici. Su questo tema, artisti anche diversi per cultura e temperamento si trovano d ‘accordo.

Dal ricco Picabia, che gira su lussuose automobili e proclama un nichilismo assoluto; alle scorribande di Wright, che guida tra le strade di Oak Park a velocità forsennata terrorizzando i pedoni; a Picasso, che organizza nel 1908 per le strade di Montmartre una festa con sbronza colossale dedicata al pittore Henry Rousseau, detto il Doganiere; a Duchamp, che invierà un urinale per l ‘Armory Show del 1917; sino alla pittrice Vanessa Woolf, sorella della più nota Virginia, che arreda la sua casa con spazio, luce, pulizia e pochi mobili e sulla quale girano voci che, durante gli incontri del giovedì, si accoppi davanti agli sguardi annoiati degli amici letterati e omosessuali.

Per non parlare dei numerosi incontri futuristi e poi dadaisti finiti tra insulti, pernacchie, gestacci e furiose scazzottate al suono di macchine produci-rumori.

Scrivi un commento