2.1.6: Arte e vita, forma e astrazione

Parte 2: 1905-1918 – Capitolo 1: Avanguardie

1.6 Arte e vita, forma e astrazione

Mai come in questo decennio è ricorrente la parola forma. Nell ‘arte, nella scienza, nella filosofia. Forma come scorciatoia per arrivare all ‘essenza delle cose. Forma come risultato di un ‘operazione umana che conferisce senso alla realtà.

Forma come destino dell ‘arte, ma anche come maledizione, nel momento in cui riduce la rappresentazione a una formula o a un universale geometrico, meccanico, atemporale. Forma come nuovo linguaggio, cioè come insieme strutturato di segni attraverso cui chiarire il mondo.

B. Croce

In Germania, sin dalla fine dell ‘ottocento storici dell ‘arte, artisti e filosofi lavorano sul tema. Tra questi Konrad Fiedler (1841-1895) il quale sostiene che l ‘arte elabora concetti secondo leggi proprie, in virtù del suo potere conformativo.

Dirà: Ogni forma d ‘arte si giustifica soltanto in quanto è necessaria per rappresentare qualche cosa che altrimenti non sarebbe rappresentabile. Nasce la pura visibilità: il vero significato di un ‘opera d ‘arte non si trova in contenuti estrinseci, cioè nel tema rappresentato, ma nel modo in cui questo è reso visibile, fissato nella struttura di una forma, che dà che caratterizza la specificità di ogni realizzazione artistica.

 

Il tema è sviluppato anche dall ‘italiano Benedetto Croce, nella sua Estetica del 1902: l ‘arte è linguaggio puro proprio perche forma concretamente datasi. E vi è in nuce nel suo pensiero, che ebbe notevole diffusione con decine di traduzioni in Europa, un ‘equazione forse non nuova, ma espressa ora con straordinaria chiarezza: arte = forma = linguaggio.

Ma se sia la scienza sia l ‘arte fissano la realtà attraverso forme, qual è la differenza tra i due approcci? Croce risponde che l ‘arte fa intuire l ‘individuale, la scienza il generale.

 

Su questa linea si muove anche il filosofo francese Henri Bergson con il libro L ‘evolution creatrice pubblicato nel 1907. Bergson concorda che senza cristallizzare la realtà in forme astratte non potremmo controllarla in alcun modo. Non ci sarebbe scienza, non ci sarebbe industria, non ci sarebbe standardizzazione.

Tuttavia la vita è atto concreto, non riconducibile a schemi matematici. ├ê flusso e divenire, unicità e non ripetizione. Durata e non catena di montaggio. Deprivando la scienza della possibilità di conoscere l ‘intima essenza temporale della realtà, Bergson attribuisce all ‘arte un potere inusitato, ma di fatto indefinibile, proprio perche di per se inintellettualizzabile.

├ê una conclusione condivisa, con argomentazioni più o meno diverse, da quasi tutti i pensatori di rilievo del primo novecento quali Georg Simmel , Jose Ortega y Gasset, Martin Heidegger.

 

In questa chiave di scontro tra arte e vita è interessante leggere lo struggimento degli architetti del primo novecento, sempre in bilico tra la ricerca di idee pure e l ‘insoddisfazione verso un ‘eccessiva astrazione che cristallizza la vita in strutture, alla fine, vuote: tra forme e ombre.

Si tratta di una problematica che emergerà in tutta la sua virulenza a partire dal dopoguerra, quando le tendenze espressioniste, che mettono in evidenza l ‘aspetto magmatico della realtà, caricando la forma di energia soggettiva, e quelle più freddamente formaliste, che dissezionano l ‘immagine sul tavolo operatorio della ragione rifacendosi ad astratti schemi geometrici, tenderanno a divergere e a combattersi.

Sino al predominio di queste ultime, che però pagheranno la vittoria a prezzo di una sostanziale banalizzazione delle proposte in termini stilistici.

 

Nel 1908 esce in Germania un altro testo destinato ad avere notevole influsso. ├ê scritto da un ventiseienne, Wilhelm Worringer. S ‘intitola Abstraktion und Einf├╝hlung (Astrazione ed empatia). L ‘arte non è più tradizione artigiana, mestiere basato sul saper fare, ma attività proiettata al voler fare, cioè ricreare il mondo.

L ‘ Einf├╝hlung, cioè la capacità di entrare in empatia, relazione con le cose, ci porta al realismo, a una condizione di dominio del mondo esterno; l ‘Abstraktion, invece, è sublimazione della paura, dell ‘angoscia di fronte alla realtà del mondo. Corrisponde a un nostro bisogno superiore di comprenderla. Worringer non ama particolarmente l ‘arte astratta. La definirà rigida, cristallizzata, morta.

Tuttavia, insieme a Bergson, Worringer indicherà agli artisti una direzione: verso la produzione di un ‘arte non realista, in grado di superare le limitazioni del pensiero tecnico, scientifico, oggettivante, tale da rendere il senso di una ricerca infinita, focalizzata verso l ‘obiettivo di trascendere il reale.

 

Nulla ci dice che Kandinskij abbia conosciuto Wilhelm Worringer. Eppure operano in pressoche perfetta concordanza temporale. Mentre nel 1908 esce il libro del primo, Kandinskij sta a grandi passi giungendo alla pura astrazione.

Nel 1909, il pittore russo dà vita alla Neue K├╝nstlervereinigung (Nuova unione degli artisti) e nel 1910 realizza la prima opera astratta. Nello stesso anno scrive Lo spirituale nell ‘arte, che sarà pubblicato con successo, tanto da esaurire due edizioni in un anno, nel 1912.

Nel 1911 pubblica con Marc l ‘almanacco del Cavaliere Azzurro, una raccolta di testi scritti da autori diversi, che cerca di fare il punto sullo stato della ricerca artistica contemporanea con aperture verso l ‘arte dei Fauves, il cubismo e il futurismo.

 

Kandinskij cerca di penetrare al di là delle apparenze per giungere all ‘origine. Abbandonata la materialità dell ‘oggetto concreto, l ‘arte diventa ricerca di armonie, emozioni. Nel libro autobiografico Sguardi sul passato, pubblicato nel 1913, il qurantaseienne pittore accenna a cinque aspetti dell ‘arte astratta.

Sono la dissoluzione dell ‘immagine realistica sino a ridursi a puro colore; la traducibilità tra colori e suoni; l ‘istanza di frammentare per poi riarticolare la natura secondo alcuni principi guida; la consapevolezza che i colori acquistano valore e significato solo all ‘interno di un contesto di cui scandiscono la durata; l ‘istanza di un rapporto con la natura rinnovato e non compromesso da preconcetti e filtri culturali.

Sarebbe erroneo, perciò, scambiare l ‘astrazione poetica di Kandinskij per una sorta di soggettivismo estetico, dove ogni forma, per il solo fatto di essere espressione di un individuo, ne vale un ‘altra. Questa non proviene dal soggetto, ma è scoperta nell ‘oggetto, è nel mondo. ├ê quindi oggettiva, assolutamente non arbitraria: pura musicalità e come tale sorretta da leggi ideali.

 

Da qui forse lo sforzo continuo del pittore per tentare di fissarne in leggi universali genesi e ragioni. Anche a costo di perdere in freschezza e in energia e d ‘inaridire la ricerca in una metodica che nel 1926 porterà alla pubblicazione di Punto, linea e superficie, quando l ‘artista, impegnato come professore al Bauhaus, cercherà di elaborare un metodo per l ‘astrazione trasmissibile ai propri alunni.

Accanto a Kandinskij altri due giganti: Malevic╦ç e Mondrian. Li incontreremo nel prossimo capitolo, quando tratteremo le evoluzioni della ricerca artistica maturate durante il periodo bellico. In questi anni che precedono il conflitto, il russo e l ‘olandese, diversi per carattere e temperamento o esuberante sino agli eccessi il primo, calvinista e ossessionato dal disordine sino alla paranoia il secondo omaturano la loro ricerca.

Entrambi si recano nel 1912 a Parigi. Entrambi riflettono sul cubismo. Sembra che Malevic╦ç nel 1913 segni un passo decisivo con il Quadrato nero su fondo bianco, dando vita al suprematismo. Ma può anche darsi che il quadro sia stato predatato.

 

L ‘astrazione dai quadri presto si riverserà in architettura. Il passaggio è concettualmente conseguente: esattamente come un quadro è una superficie bidimensionale e una scultura a un volume tridimensionale, un ‘architettura diventerà un oggetto spaziale. Ma lo spazio si scandisce solo attraverso il tempo.

Come avverrà nel Raumplan di Loos, nella promenade architecturale di Le Corbusier e nella fluidità di Mies. Sono tre varianti, studiate nel dopoguerra, di uno stesso tema, l ‘indagine dello spazio inteso come forma. Un ideale quindi perfettamente congruente con quello armonico di Kandinskij, di Malevic╦ç, di Mondrian. Malevic╦ç lo intuirà producendo composizioni architettoniche di grande raffinatezza. Mondrian sviluppando un vocabolario di cui l ‘amico e rivale Theo van Doesburg si approprierà, interpretandolo a suo modo.

Scrivi un commento