2.1.5: Architettura e cubismo

Parte 2: 1905-1918 – Capitolo 1: Avanguardie

1.5 Architettura e cubismo

Il cubismo, a differenza dell ‘espressionismo, non ha un immediato riscontro in architettura. Anche la Maison cubiste, il primo esempio di architettura dichiaratamente cubista, disegnata da Raymond Duchamp-Villon per la mostra del Salon D ‘Automne del 1912, è deludente. Più che gli splendidi quadri di quel periodo, ricorda semmai alcune opere eseguite alcuni anni prima da Peter Behrens.

In particolare la Hamburger Halle di Torino del 1902, un allestimento goticheggiante, non senza ipoteche espressioniste, con forme, modanature e statue semplificate e rese attraverso squadrati piani sfaccettati; secondo una formula di riduzione dei volumi complessi e della figura umana a matrici geometriche semplici e frastagliate che sarà adottata con successo nei primi anni del novecento da numerosi architetti, Wright compreso, ma che appare troppo riduttiva per parlare di scomposizione cubista dello spazio.

 

G Braque, particolare

Un capovolgimento di prospettive avviene subito dopo la Grande Guerra. Lo attuano i movimenti di avanguardia, quali il suprematismo, il neoplasticismo e il costruttivismo, ispirati dal cubismo, ma più coinvolti nella ricerca architettonica.

Lo attua soprattutto il purismo, un movimento che, di fatto, coincide con un personaggio, Le Corbusier, dotato di enorme carisma comunicativo e molto abile a diffondere la propria interpretazione del moderno. Insieme con il pittore e socio Ozenfant scriverà nel 1918 il libro Après le cubisme e l ‘anno dopo fonderà la rivista L ‘ Esprit Nouveau, preparando le basi per una riflessione sistematica sull ‘eredità del fenomeno cubista in architettura.

Un ‘eredità che oppone alla tensione espressionista un ‘arte capace di parlare alla mente, di risvegliare la certezza illuministica che nella natura, dietro il caos, vige un ‘armonia fondamentale.

 

Da questo momento in poi, alla teoria di una genealogia cubista si rifarà la gran parte delle interpretazioni critiche che vogliono spiegare l ‘avvento del Movimento Moderno.

La più nota e’ stata avanzata da Sigfried Giedion nel libro Spazio, tempo e architettura apparso nel 1941. Giedon compara l ‘Arlesienne di Picasso, dipinto nel 1911-12, con l ‘edificio del Bauhaus di Dessau finito nel 1926. Fa notare come in entrambe le opere sia abolita la percezione prospettica di tipo tradizionale e introdotta una dimensione spaziotemporale esaltata dalla planarità, dalla trasparenza e dai punti di vista multipli richiesti per apprezzare le opere.

Vi e’ poi la tesi di Colin Rowe avanzata con un altro celebre saggio, Trasparenza: letterale e fenomenica, scritto nel 1956 e pubblicato nel 1963. Per Rowe la trasparenza non può essere concepita in senso letterale, come in Giedion. Il problema non è ottico, ma compositivo o, per usare la sua terminologia, fenomenologico.

In altre parole, il Movimento Moderno, nelle sue opere più alte, importa dal cubismo un nuovo ordine spaziale, con corrispondenze tra piani e volumi degli edifici che si possono osservare solo da punti di vista ideali posti all ‘infinito. Da qui l ‘ampio ricorso, sin dalla fase di progettazione, di strumenti di rappresentazione più astratti della prospettiva, quali proiezioni ortogonali e assonometrie, o ibridi tra i due, quali le assonometrie con due assi coincidenti.

 

Le due tesi hanno il merito di sintetizzare un gran numero di argomenti enunciati sin dagli anni venti e trenta, quando il dogma della genealogia cubista si consolida.

Tanto che Edoardo Persico, per confutarle , aveva già nel 1935 proposto , anche contro l ‘affermazione del suo ideale maestro Lionello Venturi, per il quale era indubitabile che l ‘architettura nuova nascesse insieme a uno speciale stile pittorico o scultorio che si chiama cubismo, un ‘altra genealogia,:

L ‘architettura nuova o secondo il critico napoletano- è nata [*] nel solco dell ‘impressionismo: alludo a Frank Lloyd Wright. [*] Le fabbriche di Wright, la casa Willits del 1901, la casa Barton del 1904, o la casa Coonley del 1908 [*] sono semplici volumi non divisi da muri interni: tutto l ‘appartamento è di un solo ambiente, quasi senza divisioni. L ‘esterno si sviluppa in linee orizzontali, con terrazze avanzate, tetti appena inclinati, quasi piani. Le finestre ricorrono ai piani superiori in fasce continue nella parte alta dei muri. Il giuoco delle masse o è un particolare importante o accusa l ‘influenza dell ‘architettura dell ‘Estremo Oriente, della Cina, del Giappone. La strada è sempre parallela alle linee frontali dell ‘edificio. Il giardino è impensabile senza la villa. [*] Il cubismo è lontano, non solo perche siamo nel 1901 o nel 1904; ma perche, per definire gli elementi figurativi di questa costruzione, dobbiamo rifarci alla visione impressionistica: se volete, alla visione di Cezanne. Wright, per l ‘intimo senso della sua opera e per la risonanza dello stile che ha influenzato non tanto gli architetti americani, quanto gli europei da Berlage a Dudok, da Loos a Hoffmann, e attraverso Tony Garnier perfino Le Corbusier, Wright può essere considerato il Cezanne dell ‘architettura nuova. [*] Nell ‘ipocrisia del puritanesimo nord-americano, nell ‘astinenza di un ‘epoca di pionieri [*] l ‘opera di questo architetto è una testimonianza di vita piena e feconda, in uno stile infinitamente poetico.

 

Persico, inoltre, sottolinea gli aspetti vitali, antintellettualistici della ricerca wrightiana e degli stessi razionalisti: l ‘architettura contemporanea non può essere ridotta soltanto a cubi, a scomposizioni cerebrali.

 

Vi e’ infine la tesi di Nikolaus Pevsner, il quale nel suo fondamentale saggio I pionieri dell ‘architettura moderna, del 1936, non abbraccia ne l ‘ipotesi dell ‘ascendenza cubista ne del primato impressionista. Per lo storico sarà l ‘incontro tra la produzione industriale e l ‘astrattismo che genererà la nuova architettura.

Quindi il cubismo, ma anche tutte le altre ricerche artistiche che abbandonano il naturalismo ottocentesco. La tesi evidenzia, al di là delle stesse intenzioni del suo autore, la scoperta, da parte della generalità delle discipline scientifiche e artistiche, del potere della forma astratta. Di una forma, cioè, tale da rendere conto della struttura della realtà pur senza rappresentarla mimeticamente.

Dirà il futurista Boccioni nell ‘estate del 1910: Se potrò (e spero) l ‘emozione sarà data ricorrendo il meno possibile agli oggetti che l ‘hanno suscitata. L ‘ideale per me sarebbe un pittore che volendo dare il sonno non corresse con la mente all ‘essere (uomo, animale, ecc.) che dorme, ma potesse per mezzo di linee e colori suscitare l ‘idea del sonno, cioè il sonno universale al di fuori delle accidentalità di tempo e di luogo.

 

Analizzate sotto questo punto di vista, sono egualmente astratte le forme cubiste, futuriste, espressioniste, e poi raggiste, suprematiste, neoplastiche e, se vogliamo, dada.

Sono infatti tentativi di giungere a idee universali riducendo, frammentando, proiettando, semplificando. E, infatti, personaggi così diversi come Kirchner e Kandinskij, Schànberg e Boccioni, Klee e Picasso, hanno non pochi punti di contatto e d ‘incontro.

Da qui la disinvoltura con la quale questi artisti passano da un esperimento all ‘altro, a volte da una corrente all ‘altra, secondo una dinamica magmatica e in continua definizione, sino al caso estremo di Van Doesburg, che sarà insieme neoplastico, dada e costruttivista.

1 Comment

  1. Giovanni Zanzi 04/08/2017 at 14:33

    Ci si dimentica di Terragni grande architetto forse pi├╣ di un Le Corbusier, che partendo da una ricerca pi├╣ profonda e storica, questo ├¿ importante, studiando Michelangelo anche, rielabora la sua architettura attraverso il “piano compositivo” di invenzione quattrocentesca come affermer├á lo stesso Eisenman cio├¿ quello strumento nel quale si possono immaginare le forme pi├╣ articolate e se vogliamo comunque dirla come un Colin Rowe ed altri l’articolazione passa da una forza centripeta ad una centrifuga, ma sempre disegnando tutto sul piano compositivo, come sar├á forse il capolavoro assoluto forse l’unico degno di essere paragonato ai progetti del XV e XVI secolo di Mies cio├¿ il Padiglione Internazionale.

Scrivi un commento