Parte 2: 1905-1918 – Capitolo 1: Avanguardie

2.2 Una nuova visione del tempo

Alle ore 10 del 1┬░ luglio 1913, la torre Eiffel inviò il primo segnale orario trasmesso al mondo, a seguito di una Conferenza internazionale sul tempo del 1912, che elaborò un metodo uniforme per determinare e conservare segnali orari.

Era la fine di un universo temporale disomogeneo e frammentato: nel 1870 in America c ‘erano ottanta differenti ore ferroviarie e non meno ve ne erano negli altri Paesi.

 

Sincronizzazione dei tempi e controllo dello spazio sono il leitmotiv di una ricerca che accompagna la fine ottocento e gli inizi del novecento. Comporta unificazione e standardizzazione dei sistemi di rilevamento e di misura.

Quale la divisione, sancita nel 1884, della terra in 24 fusi, l ‘ideazione del Meridiano Zero, la fissazione della lunghezza esatta del giorno, la determinazione dell ‘inizio del giorno universale.

 

Spazio e tempo, con buona pace di ogni relativismo, sono all ‘inizio del novecento considerati a fini pratici omogenei, infinitamente divisibili, misurabili.

Così come lo è il movimento, definito come una meccanica concatenazione di spazi e tempi. In tal modo lo immaginano i fotografi dell ‘epoca. Etienne-Jules Marey inventa nel 1882 un apparecchio fotografico che permette di fissare su un ‘unica lastra numerose esposizioni.

Eadweard Muybridge, attraverso una batteria di macchine fotografiche, riesce ad analizzare il movimento di uomini e animali, e pubblica parte delle sue ricerche nel libro The Human Figure in Motion, apparso nel 1885. Nasce la cronofotografia.

Sarà fonte di ispirazione per gli artisti d ‘avanguardia e porterà all ‘invenzione del cinema, avvenuta tra il 1893 e il 1896. Un film, infatti, non è che una cronofotografia organizzata lungo un nastro che si svolge nel tempo con moto uniforme.

 

Il successo della nuova tecnica è assicurato. Sia in termini di visitatori: nel 1910 sono oltre diecimila le sale di proiezione nei soli Stati Uniti. Sia in termini tecnici: è l ‘unica arte che restituisce immediatamente una pluralità di immagini percepite da un punto di vista mobile.

E, così facendo, relativizza spazi e tempi con rapidi avvicinamenti o allontanamenti, con sovrapposizioni di scene svoltesi in epoche diverse, con la contemporanea presentazione di ciò che avviene in luoghi distanti.

Arte per eccellenza del secolo, influenzerà pittura, scultura e l ‘architettura.Senza l ‘invenzione dei film, senza le loro sequenze, è infatti difficile capire gran parte dell ‘arte contemporanea. Nel 1910 Umberto Boccioni realizza La città che sale.

Nel 1912 Marcel Duchamp termina Il nudo che scende le scale (che oltretutto ricorda una sequenza di 24 fotogrammi di Muybridge che ha proprio per tema la discesa di gradini da parte di un nudo di donna).

Negli stessi anni Giacomo Balla licenzia il Dinamismo di un cane al guinzaglio. E gli architetti montano gli spazi come se si trattasse di sequenze cinematografiche: lo si vede chiaramente nel Raumplan di Loos, nella promenade architecturale di Le Corbusier, nello spazio fluido di Mies.

 

Insieme al boom del cinema, vi e’ una portentosa accelerazione delle comunicazioni: via radiotelegrafo e telefono.

Contribuiscono a creare una comunità estesa, spazialmente omogenea, in cui le notizie circolano velocemente e dove anche un dramma come l ‘affondamento del Titanic, avvenuto il 14 aprile del 1912 tra i banchi di ghiaccio del Nord Atlantico, può essere vissuto in diretta, come nota, nell ‘editoriale del 16 aprile, il cronista del London Times: Il segnale di pericolo del mostro ferito risuonò per le latitudini e longitudini dell ‘Atlantico, e da ogni parte le sue sorelle, grandi e piccole, si affrettarono in suo soccorso. [*] Con un senso vicino allo sgomento ci rendiamo conto che siamo stati testimoni di una grande nave nella sua agonia di morte.

 

Le veloci comunicazioni accelerano l ‘informazione. La stampa, i giornali, con notizie che giungono ormai in tempo reale, contribuiscono alla diffusione delle idee. Le persone si muovono. Adolf Loos si reca in America, dove probabilmente conosce Louis Sullivan e Frank Ll. Wright all ‘esposizione del 1893 di Chicago. Wright nel 1909 si reca in Europa. Nel 1911 Hendrik Petrus Berlage è in America. Walter Gropius, Le Corbusier e Mies van der Rohe passano per lo stesso studio di Peter Behrens, intorno al 1910. Il Bauhaus, subito dopo la guerra, ospiterà professori austriaci (Herbet Bayer), ungheresi (Marcel Breuer e L├ízl├│ Moholy-Nagy), svizzeri (Johannes Itten, Hannes Meyer), russi (Vasilij Kandinskij).

E il Movimento Moderno sarà il primo ad avere aderenti e diffusione internazionali. Anche se Parigi, Vienna, Berlino, Mosca, Zurigo si caratterizzano ciascuna per ruolo e funzione, mai le frontiere sono state tanto permeabili.

 

Controllo del tempo, controllo dello spazio. ├ê su queste note che si sviluppano catena di montaggio e gli studi di ergonomia. Già nel 1883 Frederick W. Taylor comincia a dividere i movimenti produttivi in operazioni elementari, assegnando a ciascuna un tempo necessario. Nel 1909 un suo allievo, Frank B. Gilbert, applicando il metodo, inventa un ‘impalcatura regolabile per ammassare mattoni che triplica la produttività.

Ford organizza la produzione pensando alla catena di montaggio come a un film, a una cronofotografia in cui si può esaminare il movimento fotogramma per fotogramma per controllare se gli sforzi sono quelli essenziali, se vi è spreco di energia, se vi è assenza di produttività. Fra il 1912 e il 1914 il tempo di produzione di un ‘automobile scende da quattordici ore a novantatre minuti.

Nel 1925 se ne licenzia una ogni dieci secondi. Sulle stesse basi concettuali, alla fine degli anni venti, saranno progettate le case dell ‘Existenz minimum e la cucina di Francoforte.

 

A segnare l ‘inizio del secolo è l ‘orologio: il suo scandire il tempo fatto di secondi tutti uguali. Simile all ‘ingranaggio di un orologio è la fabbrica di Tempi moderni. L ‘orologio scandisce con i suoi cicli di dieci ore il film Metropolis.

E all ‘orologio, all ‘ossessione per la puntualità e per il tempo fanno riferimento John Girdner con il saggio Newyorkite del 1901, Willy Hellpach con Nervosismo e cultura del 1902, George Simmel quando nel 1900 pubblica La metropoli e la vita mentale e Louis-Ferdinand Celine quando, in Viaggio al termine della notte, edito nel 1932 ma ambientato nel primo dopoguerra, scrive a proposito della sua esperienza in una catena di montaggio americana.

 

Nasce, come antitesi, il bisogno di una temporalità diversa. Non legata a una misurazione meccanica, ma agli istanti irripetibili della nostra esistenza, ai tempi lunghi o brevi della vita, all ‘unicità dell ‘esistere, alla lunga durata della memoria. Marcel Proust, James Joyce, William FaulknerÔǪ

E poi la riscoperta delle culture arcaiche, primitive estranee allo spazio-tempo omogeneo e misurabile. In architettura basti per tutti ricordare l ‘attenzione per il Giappone e le architetture mesoamericane di Wright, o il viaggio in Oriente del giovane Le Corbusier.

 

Sono anni di repentino avanzamento degli studi antropologici: Henri Hubert, Marcel Mauss. Anche sociologi e filosofi si pongono il problema: Émile Durkheim, Ernst Cassirer. Linguaggio e mito si confrontano.

Da un lato, una sempre maggiore razionalità del logos, del linguaggio, sino ad arrivare alle tavole di verità della logica simbolica che costruiranno il presupposto per la progettazione dei computer che oggi usiamo; dall ‘altro, la vitale irrazionalità del mito e dell ‘inconscio, del primordiale, dell ‘onirico: Freud e Jung.

 

Scrivi un commento