presS/Tletter

presS/Tletter

Premio Fondazione Renzo Piano ad un giovane talento

Premio Fondazione Renzo Piano ad un giovane talento

Autore: redazione
pubblicato il 10 Gennaio 2011
nella categoria Senza categoria

 

MAISON SAUVAGE
JUMP!


descrizione
Il progetto ha come modulo base la balla di fieno rettangolare. Si pensa al fieno nelle sue diverse forme, imballato e sfuso, interpretando questo suo “cambiamento di stato” a partire dalle tipologie tradizionali di stoccaggio del fieno (essiccatoi come l’arfa trentina o il kozolec sloveno) e dall’usanza rurale di accumulare il fieno in covoni. Ne risulta una struttura slanciata che si sviluppa sia in orizzontale che in verticale e che si presta allo stoccaggio delle balle di fieno e al più informale accumulo di fieno “sfuso”.
L’installazione, con struttura in legno massiccio comprende: 40 balle di fieno rettangolari, fieno sfuso, rivestimento in ecopallet, piedini regolabili, attrezzi agricoli per la manutenzione del fieno, un telone cerato in caso di pioggia e per la copertura notturna.
JUMP! è un’installazione versatile, che oltre al “tuffo nel fieno” può essere utilizzato come area per performance artistiche, cinema all’aperto o area picnic.
(maison sauvage)

 

elaborati
scarica la scheda n.1 del progetto
scarica la scheda n.2 del progetto

 

crediti
nome studio/progettista: Maison Sauvage
nome progetto: Jump!
indirizzo: via don Milani 1/a, 33077, Sacile
città: Pordenone
progettisti: Alessandro Zorzetto, Luciano Aldrighi, Francesca Modolo, Jacopo Toso, Luca Vivan
periodo di progettazione: febbraio 2010
periodo di realizzazione: settembre/ottobre 2010
data completamento opera: 12/10/2010
committente/proprietario: Maison Sauvage
tipologia intervento: realizzazione inedita
destinazione intervento: design
dimensioni opera:  10 mq
costo:  1200 euro
costo/mq opera:  120 euro/mq
imprese esecutrici: Gava imballaggi s.r.l.

 

note biografiche
Maison Sauvage (Sacile - Pn): Alessandro Zorzetto (Pordenone, 1980), Luciano Aldrighi (Mantova, 1978), Francesca Modolo (Pordenone, 1982), Iacopo Toso (Castelfranco veneto, 1983), Luca Vivan (Pordenone, 1980).